" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

La tre giorni di concerti a Baronissi inizia con la serata di beneficenza in favore della Fondazione ASVI

Giunge alla terza edizione il Baronissi Blues Festival, che si svolgerà nell’anfiteatro “Pino Daniele”, con i live tutti rigorosamente ad ingresso gratuito, grazie alla sfida raccolta dall’associazione culturale Tutti Suonati e dalla collaborazione dell’amministrazione comunale di Baronissi.

Domenica 16 luglio alle ore 21 apre il festival Mr Blue & Friends, la big band rhythm ‘n’ blues che consta di 16 musicisti insieme alla Blues Brothers Reloaded Band dell’Università di Salerno e 3 coriste, vantando inoltre un’invidiabile sezione fiati composta di 6 elementi. Si tratta della più famosa tribute band campana a ripercorrere i successi di Zucchero, l’indiscusso bluesman emiliano, nata nel 2015. La prima serata sarà dedicata alla raccolta fondi in favore della Fondazione ASVI, e, in particolare, al progetto di “sostegno a distanza” a favore degli ospedali della Siria e dei bambini dei campi profughi, per permettere loro di ricevere accoglienza e poter andare a scuola, perché  “la più grande emergenza è l’educazione”.

La serata del 16 si preannuncia come una bella preview alle guest star internazionali.

 Lunedì 17 luglio protagonista dell’arena all’aperto sarà Ian Siegal, uno dei migliori bluesman inglesi di tutti i tempi. Opening act a cura di Danilo Vignola, miglior ukulelista elettrico al mondo, in duo con Giò Didonna, innovatore percussivo, con l’album “Ukulele Revolver”.

Gran finale,martedì 18 luglio, con un artista del calibro di Scott Henderson, consacrato a livello mondiale come “la stella del firmamento fusion”. Opening con il duo acustico armonica e chitarra formato da Enzo Tropepe e Domenico Canale, ovvero “quattro chili e mezzo di barbe su due facce da Blues…”.

Tre giorni, dunque, per vivere e condividere -in uno spazio suggestivo come quello dell’ anfiteatro- frammenti di bellezza nell’ottica di una cultura libera.

“Il blues è facile da suonare, ma difficile da provare” Jimi Hendrix

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami