Napoli senza Pino: ad un anno dalla scomparsa

Il 4 gennaio del 2015 scompare uno dei più grandi talenti della musica di Napoli, ad un anno dalla sua morte, tantissime le manifestazioni dei fan , i tributi, le iniziative per rendere onore a Pino Daniele.

E’ già passato un anno, eppure sembra ancora limpido il ricordo di quella notte, nella quale nessuno dei suoi affezionati si sarebbe mai aspettato di leggere una notizia simile: “é morto Pino Daniele”, sembrava impossibile,visto che solo tre giorni prima aveva partecipato al tradizionale concerto, organizzato dalla  Rai, per aspettare l’anno che sarebbe poi giunto, invece era proprio così.

Il suo cuore, quel cuore che gli aveva consentito di amare e, allo stesso tempo, di odiare le bellezze e le debolezze della sua città, come si amano e si odiano le bellezze e le debolezze dell’animo di un uomo, aveva ceduto. Inutili le polemiche sulla possibilità di un atto di negligenza da parte della compagna nell’affrontare la situazione d’emergenza, inutile l’autopsia per stabilire le vere cause della sua morte, Pino se n’era andato lasciando solo un grande vuoto.

Nessuno dimenticherà mai i messaggi d’affetto dei suoi amici, i tributi in suo onore, che si sono susseguiti durante tutto il 2015, come ad esempio durante il concerto di Jovanotti  al San Paolo con Eros Ramazzotti e James Senese, oppure la dedica di un intero e commuovente brano di Clementino intitolato appunto “Dedicato a Pino Daniele“; nessuno potrà dimenticare i funerali a piazza del Plebiscito e la folla che cantava le sue canzoni per tutta la notte, ne sarà mai cancellato dalla memoria di qualcuno, la spontaneità degli abitanti di Napoli nel radunarsi in piazza quella notte, per cantare e suonare i suoi pezzi e tutti i flash mob che si sono susseguiti nel corso dei giorni e la sua musica si ascoltava in qualsiasi mezzo pubblico, in qualsiasi stazione, in tutti i negozi, nelle auto, dai cellulari e gli mp3 delle persone per strada, il saluto più grande che una città possa dare ad un proprio figlio.

A distanza di un anno da questa tragedia, sono tante le iniziative per commemorare l’evento: sono state infatti indette delle edizioni straordinarie da parte del Correre del mezzogiorno e da Repubblica, mentre Il mattino seguirà una diretta che durerà tutta la giornata del 4 gennaio, con interventi di tanti amici di Pino come James Senese, Rocco Hunt, Tullio De Piscopo, Enzo Gragnaniello, Fiorello e tanti altri. Annunciati anche numerosi flash mob che si susseguiranno dal 4, sino ai giorni successivi.Nel frattempo, grazie alla partecipazione della famiglia, è nata la Fondazione Pino Daniele trust onlus, tramite la quale è stato annunciato che verrà dedicata, al Museo della Pace, una sezione permanente proprio per Pino e tutta la sua arte che si chiamerà “Pino Daniel Alive“, con data di  possibile apertura il 19 marzo 2016.

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Pepe coniglio coraggioso, la nuova favola di Giovanni Taranto per la Fondazione Giancarlo Siani

"Pepe coniglio coraggioso" di Giovanni Taranto è l'ultima aggiunta al “Progetto Favolette” della Fondazione Giancarlo Siani, un'iniziativa per promuovere la lettura tra i più piccoli.

Juve Stabia si chiude il ritiro di Capracotta

Juve Stabia annuncia che si è chiuso in anticipo il ritiro di Capracotta S.S. Juve Stabia, si chiude la seconda parte di ritiro a Capracotta La...

Juve Stabia il diario della domenica di Capracotta

Juve Stabia è stata una domenica insolita o se preferite particolare quella che abbiamo vissuto a Capracotta. Doveva essere una giornata di ritiro ma...

Angri novità campagna abbonamenti

  Angri la campagna abbonamenti che si prepara a vivere la sua seconda fase. Il dettaglio nella nota ufficiale: “𝗜𝗡𝗦𝗜𝗘𝗠𝗘” - 𝗖𝗔𝗠𝗣𝗔𝗚𝗡𝗔 𝗔𝗕𝗕𝗢𝗡𝗔𝗠𝗘𝗡𝗧𝗜 𝟮𝟬𝟮𝟰-𝟮𝟬𝟮𝟱 Una campagna abbonamenti...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA