" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Il Cagliari rimonta l’Avellino grazie al panchinaro Cerri e prende momentaneamente la vetta della Serie B. Illusorio il gol di Mokulu per l’irpini rimasti in 10 per circa un ora.

 

Il Cagliari di Rastelli riesce a rimontare al Partenio, un campo difficile, e prendere tre punti pesanti che gli pone in vetta alla classifica in attesa della gara del Crotone in casa col Perugia. Dal canto loro gli irpini si sono rivelati squadra in salute e forse solo l’inferiorità numerica per l’espulsione di Sbaffo per doppio giallo al 26′ l’ha negato un risultato migliore.

Già al 5′ l’Avellino si porta in vantaggio con Mokulu lesto a mettere alle spalle di Storari il pallone respinto dal palo su conclusione di Castaldo. In svantaggio i sardi non ci stanno e 6′ più tardi trovano il pareggio con Munari abile a sfruttare l’assist di Joao Pedro. Al 26′ come già accennato il fattaccio dell’espulsione di Sbaffo e da quel momento gli uomini di Rastelli, l’ex di turno, prendono per mano la partita e prima dell’intervallo sfiorano il raddoppio con Sau che al 36′ colpisce il palo. Ma neanche l’Avellino, al quanto in inferiorità numerica, sta a guardare e due minuti più tardi rispondono con Bastian che solo davanti a Storari spreca tutto.

Nella ripresa i rossoblù aumentano la loro pericolosità specialmente con le conclusioni di Joao Pedro e Di Gennaro ma con il passare dei minuti i lupi sembrano controllare la gara finche al 75′ Rastelli non decide di buttare dentro Cerri che lo ripaga tre minuti dopo con il gol che decide la sfida. Tutto parte da un tiro deviato di Farias che Pucino buca goffamente, la palla finisce sui piedi di Cerri che non si fa pregare e mette dentro. Prima del fischio finale di Pinzani, il Cagliari sciupa un paio d’occasioni per portarci sul 3-1 specialmente con Cerri che manda alto con la porta sguarnita.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami