Wimbledon – Djokovic batte Kyrgios in rimonta e conquista per la settima volta il torneo

Wimbledon – Djokovic batte Kyrgios in rimonta e conquista per la settima volta il torneo. Novak Djokovic supera con il punteggio di 4-6, 6-3, 6-4, 7-6( 3) Nick Kyrgios e si impone ancora sui prati dell’All England Club.

 

Wimbledon – Djokovic batte Kyrgios in rimonta

 

Wimbledon – Djokovic batte Kyrgios in rimonta e conquista per la settima volta il torneo. Dopo le numerose polemiche legate al caso australiano, Novak Djokovic è tornato a far parlare il campo. Lo ha fatto a modo suo: dettando legge sui prati che lo hanno visto sollevare al cielo il trofeo dei sogni ben sette volte in carriera. Solo Roger Federer – che ha vinto lo Slam londinese otto volte – ha fatto meglio di lui nella storia di Wimbledon.

 

Il settimo sigillo ai Championships permetterà a Djokovic di portarsi a una sola distanza da Rafael Nadal nella lotta al primato Slam. Sono infatti 21 i Major che il belgradese ha conquistato in giro per il mondo. Resta fermo a 20, invece, Federer.

 

Il percorso del campione serbo si è rivelato probabilmente più duro di quanto ci si aspettasse alla vigilia del torneo. Il serbo ha lasciato un set per strada nel corso del primo turno e del quarto rispettivamente contro Soon-woo Kwon e Tim van Rijthoven. Ai quarti di finale, Jannik Sinner lo ha poi costretto a completare una clamorosa rimonta. L’italiano si è ritrovato in vantaggio di due set, ma non è successivamente riuscito a contrastare il ritorno di Nole.

 

Djokovic-Kyrgios: i dettagli della super finale

 

 

Anche in finale, Djokovic ha perso il primo set colpendo un doloroso doppio fallo sulla palla break concessa a Kyrgios nel quinto game. Break che l’australiano ha conservato fino al 6-4. Nel secondo set, il serbo ha poi giocato il suo miglior game in risposta sul 2-1 e ha lasciato a zero il suo avversario. A spostare gli equilibri ci ha pensato il passaggio a vuoto affrontato in malo modo da Kyrgios sul 4-4. L’australiano ha gettato alle ortiche il 40-00 e consegnato il servizio a Djokovic con un pessimo rovescio terminato sotto rete.

 

 

Nole non ha perso tempo e ha punito Kyrgios giocando magistralmente il turno di battuta che ha chiuso il parziale. Nel quarto set, Kyrgios si è affidato nuovamente al servizio ed è stato impeccabile fino al tie-break. Un tie-break in cui Djokovic ha fatto valere tutta la sua esperienza dal primo all’ultimo punto. Il serbo ha subito guadagnato un importante vantaggio e scritto la parola fine con grande autorevolezza.

 

“Non ci sono parole per spiegare cosa questo torneo significhi per me. Nick tornerà in finale, qui e altrove. Ha dimostrato di essere tra i migliori al mondo. Lo rispetto tanto, ha un talento incredibile. Tutto sembra andare nella giusta direzione. Non avrei mai pensato di dire queste cose carine su di lui, abbiamo una ‘bromance’. Ha perso per farsi offrire la cena.( ride, ndr) . E’ l’inizio di una grande amicizia” , ha spiegato Djokovic durante la premiazioni finale.

 

“Ho perso le parole per dire cosa significa per me Wimbledon, sarà sempre il mio torneo preferito. Ho iniziato a giocare a tennis grazie a Sampras che vince Wimbledon. Ho sempre sognato di giocare su questo campo, ogni volta vincere ha un significato più importante” .

 

Photo Credit: Novak Djokovic via Instagram

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Maria Pia Nocerino ospite alla terza edizione de “La settimana dello scrittore”

TORRE ANNUNZIATA - È iniziata con grande entusiasmo la terza edizione de "La settimana dello scrittore - Ricordando Miche Prisco", evento che quest'anno è iniziato celebrando il ritorno sugli scaffali delle librerie di "Francesca e Nunziata". Ospiti della seconda serata Maria Pia Nocerino, Gianni Solla e Carmen Pellegrino che dialogheranno con Federica Flocco

Dentro o fuori – Italia Croazia probabili formazioni

Dentro o fuori. E' un tormentone, nel mondo del calcio, vecchio e stravecchio. Ma, purtroppo per noi, sempre attuale. O si va agli ottavi o si esce, non ci sono altre partite che eviteranno questo destino, ovvero l'uscita dai gironi. Cosa che non avviene dagli europei del 2004, dal pareggio - biscotto per 2 a 2 fra Svezia e Danimarca.

Angri un nome nuovo di calciomercato

Angri arriva Mădălin Țandără il comunicato della società L’Unione Sportiva Angri 1927 comunica l’acquisto dal 1 luglio 2024 delle prestazioni sportive dell’attaccante Mădălin Țandără in...

Italia tutto in una notte

  Italia la Nazionale di Luciano Spalletti si gioca praticamente tutto contro la Croazia. Fare risultato andrebbe a garantire il passaggio al prossimo turno. Italia una...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA