Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Da paese fantasma a meta di turismo internazionale

Arroccato a 1251 metri, Santo Stefano di Sessanio (AQ) è un vero gioiello architettonico con le sue strade pedonali in pietra calcarea bianca e le sue case medioevali.

Situato nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga,  Santo Stefano di Sessanio conta appena 120 abitanti, ma grazie all’intuito di Daniele Kihkgren,  imprenditore italo-svedese, il paese oggi è divenuto meta di turismo internazionale.

Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio

“Albergo diffuso”: Tutto nacque per caso

Kihkgren, in giro per l’Italia, aveva perso la strada.

Dall’alto vide il borgo di Santo Stefano, si incuriosì e lo raggiunse.

Fu amore a prima vista.

Kihkgren rimase affascinato dall’integrità di quel piccolo borgo; in nessun posto vi era traccia del ventesimo secolo.

Decise perciò di acquistare alcune di quelle abitazioni abbandonate per poi ristrutturarle nel pieno rispetto dell’originale estetica, utilizzando materiali di recupero.

Quelle case oggi sono luoghi di soggiorno esclusivi – ambienti che rivivono grazie ad un restauro conservativo capace di preservare la peculiarità del luogo ed esaltarne ogni tipicità.

Camere povere, ma sofisticate allo stesso tempo, dove la tecnologia è presente, ma in maniera discreta.

E’ questo il modello di ospitalità che viene chiamato albergo diffuso”.

Santo Stefano di Sessanio

Dove soggiornare

http:// Booking.com

La torre medicea e la zuppa di lenticchie

Oggi Santo Stefano di Sessanio è entrato nel circuito dei Borghi più belli d’Italia.

Due i simboli del paese: la torre medicea ed una varietà di lenticchie autoctona.

La torre medicea dominava il borgo fino al 2009, ma a seguito del terremoto che ha scosso violentemente l’Abruzzo, è purtroppo crollata.

Molte delle pietre della torre sono state però recuperate e verranno reimpiegate per la sua ricostruzione.

Straordinaria la varietà di lenticchie autoctone di Santo Stefano con le quali si realizzano squisite zuppe da gustare con crostini di pane fritto ed un filo d’olio d’oliva.

Rocca Calascio: Ciak si gira!

Poco distante da Santo Stefano di Sessanio è possibile visitare gratuitamente Rocca Calascio, uno dei castelli più elevati d’Europa (sorge a 1.512 metri) – un luogo davvero suggestivo tanto da essere scelto come set di importanti film (da “Lady Hawke” a “Il nome della rosa”, da “Il viaggio della sposa” a “The American”).

Rocca Calascio

Rocca Calascio

Impareggiabile lo spettacolo naturale che si gode dalla rocca.

Lo sguardo si perde tra i monti della catena del Gran Sasso, la valle del Tirino e l’altopiano di Navelli.

Panorama da Rocca Calascio

Panorama da Rocca Calascio

 

Alla base del castello la deliziosa Chiesa di Santa Maria della Pietà a pianta ottagonale.

Castel del Monte (AQ)

Ancora un borgo inserito nel circuito del Borghi più belli d’Italia.

Si tratta di Castel del Monte situato a 1.345 metri di altitudine e poco distante da Santo Stefano di Sessanio.

Anche a Castel del Monte come a Santo Stefano di Sessanio il tempo sembra essersi fermato.

Castel del Monte

L’intero borgo è costruito sulla roccia ed è attraversato da gallerie sotterranee chiamate “sporti”.

L’economia del paese, un tempo, si basava esclusivamente sulla pastorizia e pertanto prodotto tipico del borgo è il Canestrato, un formaggio a pasta dura ottenuto dal latte intero crudo di pecora con aggiunta di caglio e sale.

Parco Nazionale del Gran Sasso

Parco Nazionale del Gran Sasso

Abruzzo, destinazione ideale per un weekend fuori porta.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi