Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Chi l’ha detto che serve spendere migliaia di euro per andare in vacanza in Sardegna? Se da un lato è vero che si tratta di una meta di lusso, spesso costosa soprattutto in alta stagione, dall’altro lato è possibile vivere questa splendida isola anche senza spendere una fortuna. Per farlo occorre prestare attenzione a una serie di fattori: oggi vedremo tre modi che ci permetteranno di vivere una vacanza estiva low cost e di risparmiare.

Approfittare per tempo delle offerte

Chi prima arriva, meglio alloggia: questa è una regola che vale per qualsiasi cosa, vacanze in Sardegna comprese. Il consiglio più scontato è, quindi, di prenotare in anticipo approfittando per tempo di sconti e pacchetti speciali, sia sui mezzi di trasporto che sugli alloggi. Questo è ad esempio il caso delle offerte di hotel con nave gratis per la Sardegna, presenti sui siti dedicati, di cui conviene usufruire per tempo. Per risparmiare sul traghetto ci sono altri trucchi: meglio prenotare durante la settimana (dal martedì al giovedì) perché i prezzi sono più bassi. Ricordatevi, inoltre (questo vale sempre) di cancellare, prima di prenotare, i cookies del browser. Un’altra dritta è questa: cercate di essere flessibili sulle date, facendo delle prove su periodi diversi. Anche per quanto riguarda l’alloggio, si possono applicare gli stessi consigli e scegliere soluzioni meno costose come ad esempio il camping. Anche affittare un appartamento in gruppo è un ottimo modo per pagare di meno perché si possono dividere le spese.

Evitare il mese di agosto

Tutti i viaggiatori attenti al portafoglio sanno che in alta stagione i prezzi lievitano ed è inevitabile spendere di più. Agosto, in particolare, è un mese da evitare come la peste per quanto possibile. In questo periodo, infatti, non solo aumentano i prezzi sull’isola e l’offerta scarseggia, ma si trova talmente tanta folla che c’è il rischio di rovinarsi la vacanza se non si conoscono posti segreti in cui rifugiarsi. A settembre e a luglio, invece, già la situazione migliora e c’è più calma, ma ideali per risparmiare sono maggio e giugno. Anche le prime settimane di ottobre sono molto indicate perchè le temperature sono ancora buone e i prezzi degli alloggi calano vertiginosamente.

Preferire località meno famose

Un’altra regola da seguire per risparmiare è di preferire mete di villeggiatura meno conosciute: in Sardegna c’è l’imbarazzo della scelta. Località che non hanno niente da invidiare a quelle più frequentate. Il segreto è di optare per una di queste zone: è il caso ad esempio dei dintorni di Villasimius e di Alghero. Un’altra delle opzioni migliori è rappresentata da Costa Rei, dove si trovano anche numerose aree adibite al campeggio. Anche la costa di Oristano è una valida alternativa poiché, non essendo stata ancora toccata dal turismo di massa, garantisce pace e tranquillità. Nella lista poi si trova Pula, una delle località più belle e con il miglior rapporto qualità/prezzo di tutta la Sardegna. Ma, a dispetto dei luoghi comuni, ci sono anche zone come Chia che, sebbene siano molto famose, non costano poi così tanto.

La Sardegna è una meta a portata di tutti: basta solo muoversi in anticipo ed evitare i periodi e le località più popolari.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi