Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

Elezioni polacche: Le elezioni in Polonia, a cui sono stati chiamati 30 milioni di elettori, per eleggere 460 deputati della Sejm (Dieta) e 100 senatori per i prossimi quattro anni hanno visto il trionfo del partito Diritto e Giustizia (PiS) del leader conservatore Jaroslaw Kaczynski. Con il 43,8% dei consensi e grazie al premio di maggioranza previsto dalla legge elettorale polacca il PiS potrebbe ottenere circa 239 seggi alla camera bassa.

Embed from Getty Images

Il successo del PiS di Kaczynski

Con questa vittoria il PiS può tornare in seno alle istituzioni europee forte di un larghissimo sostegno popolare. Dal 2015 a oggi la Polonia guidata da Kaczysni insieme all’Ungheria di Viktor Orban (due dei paesi del cosiddetto patto di Visegrad) hanno complicato molto l’avanzamento delle politiche Ue su temi quali migrazioni e cambiamenti climatici.

Inoltre non poche sono state le tensioni Tra Ue e Polonia per via del carattere sempre più autoritario e per le violazioni dello stato di diritto (come l’indebolimento della magistratura) che hanno portato anche all’apertura di procedure. Tuttavia grazie a un trend positivo che va avanti dal 1999, la Polonia, in controtendenza rispetto al calo dell’economia globale, è cresciuta con ritmi eccezionali.

Una forza economica che può essere ricondotta all’ampio mercato interno e a riforme economiche strutturali e prudenti, sempre di concerto con l’Unione Europa. La Polonia è stata infatti la principale beneficiaria nel periodo 2007-2013 e 2014-2020 dei fondi Ue per u totale di oltre 200 miliardi di investimenti.

L’ultima campagna elettorale del PiS è stata caratterizzata soprattutto da accesi toni omofobi, anti-migranti e dichiaratamente antitedeschi. Ma a convincere i ceti più poveri sono state in particolar modo le promesse dell’aumento delle spese per il welfare e per i redditi minimi che unite al trend economico positivo hanno consegnato la vittoria a Kaczinsky.

Elezioni polacche, gli altri partiti di opposizione

Tra i partiti di opposizione, quasi tutti uniti in coalizione quasi tutti uniti in coalizione per superare la soglia di sbarramento del 5%, bisogna segnalare, la Civic Coalition (KO), di cui fa parte anche la formazione (Piattaforma civica) dell’attuale presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, insieme a Nowoczesna (Moderna) e i Verdi che si è fermata al 27,2%.

La Sinistra composta da Alleanza della sinistra democratica, Wiosna (Primavera) e Razem (Insieme) si è attestata all’11,9%. Il blocco Coalizione polacca (KP), raggruppamento di partiti vagamente europeisti di cui fanno parte i cristiano-democratici del Partito Popolare Polacco, hanno ottenuto il 9,6%.

Si segnala inoltre la presenza per la prima volta nella Sejm dei nazionalisti antieuropeisti della Confederazione Libertà e indipendenza che esprimeranno 13 deputati.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi