Israele, mito e realtà. Il movimento sionista e la Nakba palestinese settanta anni dopo. Secondo libro insieme per i giornalisti esperti di medio oriente, Chiara Cruciati e Michele Giorgi, uscito a giugno 2018, edito da Alegre.
Dopo le presentazioni di Roma, Genova e Caserta, abbiamo intervistato questa mattina ai microfoni di Radio Crc il giornalista Michele Giorgio, corrispondente da oltre un ventennio da Gerusalemme per il quotidiano Il Manifesto che, di concerto con Chiara Cruciati, giornalista, capo redattrice presso l’agenzia d’informazione Nena News, hanno realizzato questo secondo libro in concomitanza con due ricorrenze storiche: il primo “Cinquant’anni dopo” uscito a giugno del 2017 per i 50 anni dell’occupazione di Gaza, Cisgiordania e Gerusalemme Est; il secondo “Israele, mito e realtà”, uscito in questi giorni, a settant’anni della fondazione dello Stato di Israele, e dalla Nakba ovvero catastrofe, quest’ultima, ricorrenza tragica per il popolo palestinese.

“Poche volte nella storia del XX e del XXI secolo due nomi hanno suscitato tante passioni, adesioni, critiche, difese aprioristiche come Israele e Palestina.
Accanto a chi vede nell’impresa sionista, cominciata non settanta ma più di cento anni fa, l’appassionante e suggestivo compimento dell’idea di una patria in Palestina -la biblica Eretz Israel- per il popolo ebraico dopo secoli di persecuzioni in Europa e l’Olocausto, c’è chi ascolta e riporta la voce dei palestinesi che pagarono, e pagano ancora oggi, la realizzazione di quel progetto con milioni di profughi, l’occupazione militare, la privazione della libertà come popolo.” recita la quarta di copertina del libro.

Un tema che divide e infiamma dibattiti a qualsiasi latitudine, di cui però si conosce ben poco, spesso si parla per luoghi comuni o narrazioni rielaborate. La storia, le origini che hanno portato ad una delle più durature, complesse, sanguinose e sofferte occupazioni della storia recente, ha radici lontane, partendo dal secolo scorso, quando Theodor Herzl coniò il termine, e la conseguente ideologia, del Sionismo.

Israele, mito e realtà. Gli autori:

Chiara Cruciati, 34 anni, perugina, laureata in Scienze Politiche, collabora con il foreign desk del Manifesto. Caporedattrice dell’agenzia di informazione Nena News, ha vissuto e lavorato per alcuni anni in Palestina. Ha seguito la questione kurda e la questione dei rifugiati delle guerre mediorientali tra Turchia, Iraq e Giordania.

Michele Giorgio, 56 anni, casertano, è il corrispondente del quotidiano il Manifesto da Gerusalemme, dove vive e lavora da una ventina di anni. Per il suo giornale è stato inviato in Libano, Siria, Egitto, Libia, in altri Paesi del Medio Oriente e in Asia centrale. Nel 2012 ha pubblicato, per la Casa editrice Alegre “Nel Baratro”, sul conflitto israelo-palestinese. Sempre per Alegre, nel 2017, insieme a Chiara Cruciati, ha pubblicato “Cinquant’anni dopo”.

Intervista a cura di Corrado Gabriele e Angela Garofalo. 

 

 

Print Friendly, PDF & Email