Kata, una lunga scia di misteri. Spunta un testimone, ma poi anche questa circostanza viene smentita  

Firenze – I controlli scattati ieri pomeriggio nello stabile posto di fianco a quello dell’ex hotel Astor dove Kate, la bambina di 5 anni di origini peruviane, è stata vista l’ultima volta, sembravano scaturire dalla dichiarazione di un testimone che avrebbe visto la piccola piangere mentre veniva trascinata via da un uomo – circostanza poi smentita.

Non esisterebbe, infatti, un solo testimone. Le motivazioni che avrebbero spinto i Carabinieri a perquisire lo stabile posto di fianco all’ex hotel Astor deriverebbero da molteplici dichiarazioni, talora frammentarie e incoerenti.

La Procura già nei giorni scorsi aveva aperto un fascicolo per sequestro di persona a scopo di estorsione. I pm hanno ascoltato diversi minori che occupano le stanze dell’ex hotel Astor di Firenze per capire se avessero l’abitudine di giocare e/o comunque frequentare altri spazi nei dintorni.

LEGGI ANCHE: La madre della piccola Kata è certa che si tratti di un rapimento

Abbandonata la pista bolognese. Sembra, infatti, che la bambina avvistata su un autobus a Bologna in compagnia di una donna non sia Kata.

Kata, una lunga scia di misteri

Tanti i misteri, troppi! Oltre alle dichiarazioni frammentarie e talora non coerenti, in poche ore sono arrivate segnalazioni da parte di mitomani, si è verificata la scomparsa di due adulti che occupavano l’ex hotel Astor, è cresciuta l’ipotesi che Kata possa essere stata rapita per questioni di racket legate all’occupazione abusiva delle stanze dell’Astor,  successivamente si è ipotizzato che il rapimento della bambina possa essere in qualche modo legato allo stupro di una 15enne avvenuto lo scorso febbraio. E ancora, in città sono apparsi dei manifesti con la scritta “sto bene” e un post minaccioso, ora al vaglio degli inquirenti, è stato pubblicato su Facebook.

Intanto, il padre della bambina che era detenuto per reati contro il patrimonio, è stato liberato. Il giudice ha sostituito la misura della custodia cautelare con l’obbligo di firma per consentire all’uomo di stare accanto alla famiglia in un momento così drammatico.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Detti napoletani: “Astrigne ‘o brodo”, cosa significa?

Napoli, si sa, è una città ricca di espressioni colorite e modi di dire che raccontano la vivacità della sua lingua. Quando un napoletano parla troppo senza arrivare al punto, si usa dire "Astrigne 'o brodo" (letteralmente: Asciuga il brodo), invitando a andare dritto al dunque.

Pompei, a “Gli Incontri di Valore” il giornalista Dario Maltese

Pompei - Nell'ambito della rassegna "Gli Incontri di Valore", ideata e condotta da Nicola Ruocco, ospite anche il giornalista del TG5 Dario Maltese, che ha presentato il suo libro "Les Italiens" edito da Rizzoli.

Torre Annunziata, taglio del nastro per “La Settimana dello Scrittore – Ricordando Michele Prisco”

Prende il via oggi la terza edizione della rassegna culturale "La Settimana dello Scrittore - Ricordando Michele Prisco", evento nato grazie all'impulso della libreria Libertà di Torre Annunziata in sinergia con il Centro Studi Michele Prisco

Last Exile – L’angolo del Nerd e dell’Otaku

Last Exile è ambientato sul pianeta Priester, dove esistono due nazioni in perenne guerra fra loro: Anatore e Disith. Entrambe le nazioni dipendono da una terza fazione neutrale, la Gilda, che fornisce ad ambo le parti la tecnologia necessaria per sopravvivere. infatti l'unico modo per spostarsi è affidato a navi di varia dimensione e forma. Claus e Lavi sono due ragazzi orfani che vivono nella nazione di Anatore e vivono facendo i corrieri usando le Vanship, veicoli biposto retro futuribili. Per caso i due si trovano costretti a scortare una bambina, Alvis, sulla misteriosa nave da Guerra "Silvana". Questo li porterà a vivere un'avventura che coinvolge tutte è tre le fazioni

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA