Zanotelli in protesta contro il Comune di Napoli

Alex Zanotelli protesta a Napoli contro lo statuto del Comune di Napoli per il ciclo delle acque. Da anni il padre comboniano si batte per l’acqua pubblica; questa volta si è incatenato ad uno degli alberi del piazzale del Municipio denunciando ai giornalisti le motivazioni della sua rivolta, proteggere quanto deciso nel referendum del 2011 sull’acqua.

Grande preoccupazione è stata rivolta ad un modello di gestione diversa che in qualche modo potrebbe gravare sulle spalle dei cittadini, con il relativo aumento delle tariffe.

Zanotelli e Lucarelli a difesa dei beni comuni

Con Alex Zanotelli c’era un docente di Diritto Costituzionale della Federico II, Alberto Lucarelli, che da tempo si impegna nel difendere i beni comuni, spiegando i punti critici che presenta la proposta della Giunta – dice Lucarelli- ‘il primo è l’espulsione dei due rappresentanti della associazioni ambientaliste dal Cda. Il secondo punto è che si elimina il modello di bilancio partecipato ecologico, ed infine il terzo punto, che si trasforma il comitato di sorveglianza in comitato di partecipazione’.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Indonesia, donna mangiata viva da un pitone di 5 metri

Indonesia. Un evento raccapricciante ha scosso l'Indonesia, quando una donna di 45 anni è stata trovata morta e ancora completamente vestita all'interno dello stomaco...

A Torre Annunziata i segreti e la tecnica della “spada del mare dell’Est”

Presto anche agli atleti torresi la possibilità di apprendere i segreti e la tecnica della “spada del mare dell’Est" con l'intervento del Grand Master Giovanni Taranto, delegato regionale Unitam per la Campania

Castellammare, Via Bonito, auto impazzita travolge donna incinta sul marciapiede

Spaventoso incidente a Castellammare di Stabia, in Via Bonito. Sul posto i Carabinieri per accertare l'esatta dinamica

Evento Storico nel Mezzogiorno: ‘Archiva et Studia Civitatis’

A partire da oggi avviata un'importante iniziativa che pone le basi della rivalutazione culturale del patrimonio del Mezzogiorno italiano

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA