Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Pari e patta all’Olimpico, Roma-Cagliari 1-1 dopo 100 minuti di battaglia e un arbitro con gli attributi.

Si, il Signor Massa di Imperia ha avuto il coraggio di andare contro lo stadio capitolino concedendo nella prima frazione di giuoco un rigore tramite il VAR a favore del Cagliari, realizzato poi da Joao Pedro e nella seconda annullando la rete del 2 a 1 a favore della Roma per il fallo di Kalinic su Pisacane che veniva spinto addosso al portiere Olsen (in prestito secco dalla Roma).

Giocatore napoletano che usciva dal campo in barella (non Nicolò) proprio a causa del trauma contusivo procuratosi nell’azione.

Naturalmente a fine gara il Signor Gianluca Petrachi, Direttore Sportivo della Roma ha avuto da lamentarsi (“l’atteggiamento di Massa è stato indisponente“) per l’annullamento della rete che, bisogna dire, non si era capito fosse stata realmente annullata sino alla ripresa del gioco.

Anche per lo stadio giallorosso era gol regolare, ovviamente, i tifosi vanno in visibilio quando segna la propria squadra.

Si urla e ci si abbraccia, i falli commessi o meno non vengono nemmeno visti e anche quando a freddo, con la moviola, viene quasi dimostrata l’irregolarità dell’azione anche il più arcigno tifoso non ammetterà mai che un arbitro ha ragione.

Sempre e comunque il Direttore di gara non solo è cornuto a prescindere ma ti fischia sempre contro la tua squadra!

Punto!

Insomma, questo è il calcio, questo è il gioco delle parti, per la Roma non è fallo, per il Cagliari e l’arbitro si, tutti a casa e 1-1.

Pari e patta all'Olimpico, Roma-Cagliari 1-1

Pari e patta all’Olimpico, Roma-Cagliari 1-1

Non è andata bene alla Roma come invece avvenne il 16 dicembre 2017  dove una rete di Fazio di mano fece perdere la gara al Cagliari sempre nel finale. L’ormai ex arbitro Antonio Damato di Barletta, avvocato di professione, andò al VAR ma sotto i fischi dell’Olimpico quell’uomo, un essere umano di carne e ossa, non ebbe coraggio, ebbe paura, non Massa di Imperia oggi.

LA GARA

Non è stata una partita piacevole, la Roma ha certo avuto maggior possesso palla (63& VS 33%) ma non vince la partita ne chi ha la maggior percentuale di possesso palla, ne chi tira più in porta, ne chi prende più pali o traverse, ma solo ed esclusivamente chi mette la palla in porta.

Ed è stato solo il Cagliari a farlo visto che la rete del pareggio capitolino è stata una autorete di Ceppitelli che, unitamente all’infortunio di Pisacane della settimana scorsa che permise a Faraoni di pareggiare per l’Hellas Verona, hanno tolto due vittorie, entrambe per 1-0, per i rossoblù che oggi sarebbero stati con 4 punti in più e di conseguenza quarti in Classifica.

Ma è ancora presto per guardarla, davvero troppo presto.

 

Per puro divertimento riportiamo cosa offre un sito di tifo giallorosso, tuttoasroma.it:

89KAAAAAALIIIIIIIIIINIIIIIIIICCCCCC di piede sfruttando in anticipo un’indecisione di Olsen e Pisacane che si scontrano fra loro annullato inspiegabilmente da Massa che non va neanche a guardare… Assurdo!!!!. 5′ minuti di recupero
45+5Massa il pessimo fischia la fine della partita e si scatena il finimondo con l’espulsione di Fonseca e di un componente del suo staff. Inoltre sono volati spintoni con i tifosi inferociti. Questi sono gli arbitri che alimentano solo violenza e ombre sul sistema calcio! SCANDALOSO ARBITRAGGIO

 

Ciò che è scandaloso e che un direttore di testata permetta che venga scritto tutto ciò:

“…..questi sono gli arbitri che alimentano solo violenza e ombre sul sistema calcio!”

Davvero vergognoso, che i signori del sito ricordino del 16 Dicembre 2017 e ringrazino Ceppitelli per non avere perso oggi.

Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola (35’st Santon), Mancini, Smalling, Kolarov; Cristante, Diawara (31′ Antonucci 29′st Kalinic); Kluivert, Veretout, Zaniolo; Dzeko.
All.: Fonseca.

Cagliari (4-3-1-2): Olsen; Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli, Luca Pellegrini (35’st Mattiello); Nandez, Cigarini, Rog; Nainggolan (25’st Ionita); Joao Pedro, Simeone (14’st Castro). All.:  Maran.

 

Arbitro: MASSA Guardalinee: TEGONI – ALASSIO VAR: NASCA– LONGO Quarto uomo: GHERSINI
Marcatori: 25′ Joao Pedro (rig), 31′ Ceppitell (aut)
Ammoniti: Ceppitelli, Cigarini, Simeone, Kolarov

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi