" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Esclusiva, Paolo Bianco: ” Che rapporto con Caserta e Polito! Sottil e’ un allenatore serio, Via dalla Sicula per…”

L’Allenatore Paolo Bianco, racconta il suo punto di vista sul torneo di Lega Pro ed anche i suoi rapporti umani con i suoi ex compagni di avventura con Caserta, Polito e Sottil, senza dimenticare le sue esperienze da allenatore a Siracusa e Lentini:

Sul campionato:

E’ un campionato molto particolare, ad inizio anno, Catania e Casertana dovevano lottare per altri scenari ed anche il Monopoli e Reggina, erano
partite per giocarsi qualcosa di importante. Juve Stabia e Trapani, hanno stracciato ogni pronostico, anche perche’ ricordiamoci i problemi che hanno
avuto in estate queste due societa’, merito ad Italiano che e’ un allenatore esordiente, merito di Fabio Caserta.

Siracusa

La Delusione:

Dico Catania, anche se mi dispiace, come ben sai ho giocato a Catania e sono molto legato alla piazza. La Casertana ha fatto un pochino
il gioco delle figurine, per vincere in questa categoria non bastano i nomi, forse un peccato di presunzione.

Esonero di Sottil Giusto?

“No! Noi facciamo un lavoro difficile, quando sbagli sei il primo a pagare. Andrea e’ un allenatore serio, un amico, ci teneva a fare bene . Io posso dirti
che conosco anche il Direttore Lo Monaco , persona che difficile esonera gli allenatori, evidentemente sara’ successo qualcosa che non conosciamo,
anche perche’ nella scorsa stagione Lucarelli e’ rimasto in sella per tutta la stagione anche dopo il clamoroso ko di Monopoli.”

Alla Juve Stabia, la coppia Caserta-Polito..

” Fabio e Ciro sono due miei fratelli, con loro hanno rappresentato una parte bella della mia carriera, Con Fabio ho giocato a Catania e Bergamo
mentre con Ciro sempre a Catania ed anche a Sassuolo. Polito e’ un predestinato in questo mestiere, a Sassuolo era terzo portiere ma era un uomo
spogliatoio e dava consigli a tutti, sembrava lui il direttore ( Ride), mentre Fabio Caserta e’ un allenatore giovane e molto umile, lui e’ una persona
pronta per il salto in B. Quando trovi un giusto mix, tra Direttore Sportivo ed Allenatore, tutto l’ambiente ne risente in maniera positiva, perche’
un DS conosce come lavori e come prepari le partite a prescindere dal risultato finale.”

Sulla sua carriera da Allenatore, Siracusa e Sicula Leonzio..

” Alla Sicula mi sono dimesso, non ero la persona adatta per allenare quella squadra. Mi dispiace , ma quando si sceglie un allenatore si valuta anche
il fattore umano, non solo per i risultati espressi l’anno prima. Posso solo dirti che sono una persona diversa da quello che volevano. Sul Siracusa posso dire tante cose. Per prima cosa ci vivo, la mia famiglia sta bene qui, ottimo rapporto con la piazza e con i tifosi. La societa’ mi ha dato una grande possibilita’, non e’ mai facile affidare una squadra ad un allenatore esordiente. Abbiamo fatto bene, poi e’ successo quello che conoscete benissimo,
un peccato non aver potuto disputare i play off. Ricordo che li ha vinti il Cosenza, contro di noi hanno fatto un punto in due partite e questo alimenta ancora il mio malcontento, perche’ sono sicuro che avremmo detto la nostra. ”

Si ringrazia Mister Paolo Bianco per il tempo concesso per questa intervista

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
" "