Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

Sotto la pioggia di San Siro l’Inter sconfigge una Spal mai doma grazie alla doppietta di Lautaro Martinez; inutile il goal di Valoti.

 

Sia Conte che Semplici optano per il 3-5-2: nei nerazzurri gioca D’Ambrosio al posto di Godin, Lazaro è l’esterno sinistro, nella Spal è Valoti e non Floccari ad affiancare Petagna in attacco. Partita molto bloccata nel primo quarto d’ora, i biancazzurri si difendono in maniera molto ordinata. La prima chance è al al 14′ quando Lautaro Martinez manda alto di testa, ma l’argentino realizza solo un minuto più tardi: il Toro parte dalla trequarti avversaria, arriva al limite e da lì fa partire un diagonale rasoterra chirurgico che si insacca a fil di palo, 1-0. 7 minuti dopo D’Ambrosio, raggiunto da un ottimo cross di Lazaro, spreca il goal del raddoppio. Poco dopo la mezzora Lukaku riceve palla in seguito ad un batti e ribatti e si fa deviare il tiro in corner; sugli sviluppi del calcio d’angolo successivo il destro violento di Brozovic viene respinto in tuffo da Berisha. Al 38′ si iscrivono alla partita anche gli estensi ma l’iniziativa di Petagna viene bloccata prima da De Vrij e poi da Handanovic. Due minuti dopo arriva la doppietta di Lautaro Martinez che capitalizza il cross perfetto di Candreva con un’incornata vincente: 2-0. L’ultima azione del primo tempo è un destro di Lazaro che termina fuori di almeno un metro; 2-0 per i nerazzurri all’intervallo. La Spal non è mai riuscita ad essere veramente pericolosa nei primi 45 minuti.

 

http://gty.im/1185800180

 

Al 50′ Valoti riapre la partita con una grande azione personale: il numero 8 si infila nel centrocampo interista, poi dribbla abilmente Skriniar e calcia come aveva fatto Lautaro in occasione del primo goal, 2-1. L’Inter prova a reagire prima con Lukaku bloccato in uscita da Berisha e poi col sinistro di Brozovic che chiude troppo il diagonale. Lautaro Martinez ci riprova di testa ma questa volta il portiere della Spal riesce a metterci una pezza. I biancazzurri riescono a rispondere colpo su colpo ai nerazzurri in questa ripresa, sembrando un’altra squadra rispetto al primo tempo. Intorno al quarto d’ora il tiro violento di Candreva esalta i riflessi di Berisha. Al 68′ Lukaku serve di prima l’assist a Lautaro ma l’argentino a tu per tu con Berisha si incarta senza riuscire a concludere; grossa chance sprecata dal Toro. Due minuti dopo il neo-entrato Floccari calcia centralmente facilitando la parata di Handanovic. Insistono ancora i nerazzurri: sul cross di Candreva non arriva il 10 argentino e Vecino non riesce ad indirizzare verso la porta. La gara è molto bella e ricca di occasioni in questa fase: Paloschi fallisce l’appuntamento col pareggio lisciando un pallone prevenutogli al centro dell’area di rigore. La squadra di Conte prova a chiuderla: Vecino non trovando compagni da servire si mette in proprio e fa partire un bolide di destro messo in corner da Berisha. A 5 minuti dal temine il colpo di testa di Petagna finisce fuori di poco; la Spal è ancora viva. In pieno recupero ci prova anche Kurtic che chiude troppo il destro e la palla esce di poco a lato. Questa è l’ultima azione della gara: l’Inter batte la Spal per 2-1 e complice il pareggio della Juventus nell’anticipo dell’ora di pranzo, torna in testa alla classifica.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi