Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Inter – Juventus è finita 1-1, ecco l’analisi dell’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti nella conferenza stampa post-gara.

 

Spalletti:” Questo è un periodo in cui facciamo buone prestazioni, anche se oggi si è visto che mantenere la padronanza territoriale avuta nel primo tempo per tutta la durata della partita non è facile. Siamo stati bravi a difendere da squadra, ma non siamo stati abbastanza cattivi e tignosi da permetterci di non soffrire. Siamo una squadra a cui riesce meglio giocare piuttosto che difendere perché non abbiamo abbastanza interditori, Vecino stesso non è un interditore, gli piace molto inserirsi; Brozovic ha sempre fatto la mezzala o il trequartista. Non siamo riusciti ad essere gli stessi per 90 minuti e contro la Juve finisci per pagarlo”.  Il tecnico poi scherza sulla sostituzione di Nainggolan:” Di solito sbaglio le sostituzioni (ride ndr). Nainggolan mi è sembrato un po’ stanco quando l’ho cambiato, non volevo sostituire Vecino col rischio di abbassare troppo i miei. La squadra fin dall’inizio dell’anno ha sempre tentato di giocare facendo partire la costruzione della manovra da basso, a volte anche dal portiere; è rischioso ma se esci da quel pressing metti molto in difficoltà gli avversari, costretti a difendersi andando indietro, che è molto più difficile. Il problema è che a volte non riusciamo a farlo e andiamo a nostra volta in difficoltà. Ci sono capitate diverse occasioni che andavano concretizzate anche dopo il loro goal, per esempio quella di Perisic dopo lo scambio con Icardi. Questo risultato lascia tutto aperto in chiave Champions League, ma la prestazione è stata importante, consideriamo soprattutto questo, la squadra ha lavorato nella maniera giusta. Anche quest’anno abbiamo fatto un calcio offensivo, ma secondo me per quello che abbiamo tentato di produrre avremmo dovuto fare più goal. Perisic e Politano devono fare qualche goal in più, ma se siamo ancora terzi in classifica vuol dire che qualcosa di buono è stato fatto”. 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi