Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

La vittoria sul Cagliari rilancia il Bologna nella corsa salvezza, ora la trasferta di Torino si prospetta difficile ma non impossibile.

 

 

Giornata da ricordare per il Bologna, quarta vittoria in campionato, -2 dalla Spal e momentaneo -1 sull’Empoli. La partita col Cagliari era l’ultima spiaggia e per la prima volta in campionato la squadra di Mihajlovic in una situazione del genere non ha graziato gli avversari. La partita di ieri al Dall’Ara è stata composta da vari turning points che hanno segnato la vittoria: la spaccata di Santander nei primi minuti, il primo rigore stagionale assegnato e poi trasformato tra i timori del pubblico da Pulgar, la traversa di Joao Pedro e ad apertura secondo tempo la paratissima di Skorupski ancora sul brasiliano. Ogni azione ha cementato la superiorità del Bologna contro il Cagliari in quanto a voglia di vincere, in quanto a grinta e in quanto a capacità di proporre. Il goal del vantaggio però è risultato cruciale per sbloccare la squadra.

 

 

Bisogna ripartire da qui, dal primo rigore stagionale concesso e poi trasformato  da Pulgar. Proprio Pulgar ne calciò uno lo scorso anno a Torino sparandolo in orbita (si dice che graviti ancora negli anelli di Saturno). Il cileno è la buona immagine di cosa deve fare il Bologna: rialzarsi, scuotersi via la polvere di dosso e con freddezza mirare e centrare l’obiettivo, l’angolino destro della porta di Cragno per Pulgar, la salvezza per il Bologna. A Torino spetterà l’arduo compito al Bologna di fermare la corsa di un Toro che viene da 3 vittorie e da ben 7 risultati utili consecutivi. Difficile, ma i rossoblu hanno il dovere di provarci come hanno fatto con Roma e Juve. Non bisognava guardare in faccia nessuno e racimolare punti preziosi per la salvezza.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email