Lidia Vitale: “La vita non è fatta a fette. Occorre imparare a trarre gioia anche dai momenti difficili”

PUBBLICITA

La Giuria di Qualità del Social World Film Festival le ha assegnato il premio come miglior attrice nella sezione “Lungometraggi”.

Intensa, assolutamente convincente, LIDIA VITALE ha saputo trascinare gli spettatori nelle compulsive ossessioni di Roxanne, la coprotagonista del film The Grand Bolero” diretto da Gabriele Fabbro.  

LEGGI ANCHE: SOCIAL WORLD FILM FESTIVAL 2022, TUTTI I VINCITORI

9 min
Lidia Vitale in The Grand Bolero

Quello che sta vivendo in questo momento la Vitale è un periodo ricco di impegni e di grandi soddisfazioni. A breve la vedremo in TV in “Esterno Notte” di Marco Bellocchio e in sala in “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa, film che segna il debutto di Elodie come attrice.

“Ti mangio il cuore” che arriverà in sala il prossimo 22 settembre per 01 Distribution, è in gara per la sezione Orizzonti alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia che si svolgerà dal 31 agosto al 10 settembre.

DS24170 min
Foto: Stefano Morselli
Trucco: Andrea Anguria
Stylist: Agnese Sanchez

Per la rubrica DONNE PRAGMATICHE abbiamo avuto il piacere, questo mese, di intervistare LIDIA VITALE, attrice, regista e producer.

Lidia Vitale: “La pandemia ha contribuito a far emergere tanti lati oscuri di ognuno di noi”

“Congratulazioni Lidia per il riconoscimento ottenuto al Social World Film Festival, la mostra internazionale del cinema sociale che si è chiusa da poco a Vico Equense. Premio miglior attrice. Raccontaci qualcosa in più del personaggio che hai interpretato. Chi è Roxanne in “The Grand Bolero”?

Roxanne è stato il mezzo per raccontare le ossessioni, quelle che durante la pandemia si sono amplificate e in taluni casi si sono rivelate. Tante ossessioni erano latenti. Un fenomeno unico ed inaspettato come quello della pandemia ha fatto da propulsore e ha fatto emergere, purtroppo, tanti lati oscuri di ognuno di noi. La paura si è impossessata di tante persone e con i sentimenti si è fatta una gran confusione; non tutti sono riusciti a mantenere il controllo. Quando mi è stata presentata la sceneggiatura di “The Grand Bolero”, ho apprezzato molto sia il testo che il personaggio che avrei dovuto interpretare. Così abbiamo iniziato a girare insieme a Ludovica Mancini.

Come è stato lavorare con la giovanissima Ludovica Mancini?

Sicuramente interessante. Ludovica è una ragazza molto giovane e sul set ho cercato di trasmetterle le mie conoscenze, le mie esperienze. Sono stata io a proporla a Gabriele (Fabbro). L’avevo incontrata durante un seminario. Il suo volto mi aveva colpita molto e quando ho letto la sceneggiatura di “The Grand Bolero” ho pensato che fosse perfetta per il ruolo di Lucia.

1 min
Lidia Vitale e Ludovica Mancini sul set di The Grand Bolero

Presto ti vedremo in “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa, tratto dall’omonimo libro-inchiesta di Carlo Bonini e Giuliano Foschini edito da Giangiacomo Feltrinelli Editore –  film che tra l’altro segna il debutto di Elodie come attrice ed è in corsa a Venezia per la sezione Orizzonti.  Come è stato lavorare con Elodie?

Elodie è una ragazza molto intelligente e coraggiosa. Ha saputo scegliere il progetto giusto e mettersi in gioco. É un’artista all’apice del successo, nonostante la sua giovanissima età. Siamo diventate amiche e, in realtà, sul set, mi sono sentita anche un po’ mamma nei suoi confronti. Con i ragazzi mi capita quasi sempre così.

Nel tuo ricco bagaglio di esperienze – non si contano i ruoli che hai interpretato a teatro, al cinema e nelle produzioni televisive – ci sono anche quelle da regista e producer. Sei prossima al debutto con il tuo primo lungometraggio. Puoi anticiparci qualcosa?

Sì, sto lavorando al mio primo lungometraggio che si intitolerà AMA. E’ una storia tutta al femminile, un coming of age in stile pop/rock sull’abuso, ambientato negli anni ’80. Con me, in questo lavoro, ci sarà anche mia figlia Blu Yoshimi. Di più, al momento, non posso dire, solo che spero di trovare i soldi al più presto.

Non è la prima volta che lavori con Blu Yoshimi. Com’è stare sul set con la propria figlia? Il legame impedisce o aiuta?

Decisamente aiuta. Blu Yoshimi è un’attrice straordinaria. Il vantaggio è sicuramente il fatto di parlare lo stesso linguaggio. Abbiamo la stessa formazione. Il legame, dunque, non è per niente un ostacolo.

“Bisogna imparare a trarre gioia anche e soprattutto dai momenti difficili”

Da tempo hai abbracciato la fede buddista, ti andrebbe di parlarcene?

Certo!  Ho abbracciato la fede buddista diversi anni fa – circa 33 anni fa –  e farlo mi ha regalato una gioia immensa, una gioia a 360 gradi, sia nella vita quotidiana che nel lavoro. La vita non è fatta a fette e conquistare questo senso di gioia significa arrivare ad essere padroni della propria mente ed essere in grado di trarre forza e gioia anche e soprattutto dalle difficoltà. Tecnicamente si può parlare di trasformare il karma in missione. Oggi mi sento portatrice di grande gioia. Noi siamo quello che percepiamo. Se si riesce a comprendere questo ci si rende conto del potere illimitato di cui ogni essere umano dispone.

DS23867 min
Foto:Stefano Morselli
Trucco: Andrea Anguria
Stylist: Agnese Sanchez

 

Che cosa significa essere donna oggi? Rispetto al passato, a tuo avviso, è cambiata la società o la consapevolezza delle donne?

Credo ci sia ancora parecchia strada da fare. Oggi è importante ed urgente che sia donne che uomini accolgano la propria responsabilità di essere entrambi vittime di modelli antichi e introiettati a tal punto da riproporre atteggiamenti patriarcali in modo, a volte, anche inconsapevole. Quella che mi piace definire l’era delle donne luce, del femminile,  é proprio l’era in cui tutti ci prendiamo l’impegno di abbandonare certi modelli. E chi lo fa per prima/o accenda una lanterna per un’altra/o. Uno di questi modelli che richiede un’azione sicuramente immediata é che le donne facciano rete e si sostengano al di là di ogni differenza.

Ringraziamo Lidia Vitale per sua disponibilità e vi invitiamo ad andarla a vedere al cinema il prossimo 22 Settembre in “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa di cui vi mostriamo una clip.

https://youtu.be/2TnisueHpMY

 

 

PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Torre Annunziata, maxi-risarcimento ad un lavoratore esposto all’amianto

Maxi-risarcimento stabilito dal Tribunale Civile di Torre Annunziata in favore di un lavoratore che ha contratto una patologia direttamente correlata all’esposizione all’amianto sull’ambiente di lavoro.

Napoli, voragine inghiotte due auto

Napoli, una voragine s'è aperta all'alba di questa mattina al Vomero, in Via Morghen

Caivano, muore precipitando nel vuoto: i dettagli

Morto un sessantenne a Caivano nel rione Iacp A due passi dal luogo della morte di Fortuna Loffredo e Antonio Giglio, precisamente nel rione Iacp...

Juve Stabia i convocati di Pagliuca per la gara contro la Turris

Juve Stabia le scelte di Pagliuca per la gara di domani sera al Romeo Menti Juve Stabia-Turris, i convocati di Pagliuca Il tecnico Guido Pagliuca ha...

Ultime Notizie

PUBBLICITA