Legato alla sedia a rotelle con del nastro adesivo: l’incubo del giornalista Dario Ricciardi

Rimbalza sul web il caso del giornalista di Torre Annunziata Dario Ricciardi, che di ritorno dalla vacanza in Sardegna pochi giorni fa, si è trovato di fronte ad un episodio raccapricciante. Nel suo blog racconta del ritorno a Napoli presso l’aeroporto di Capodichino. Un’odissea per il giornalista, che nel viaggio di ritorno ha avuto a che fare con il personale impreparato a tale evenienza. Ricciardi era legato alla sedia a rotelle con del nastro adesivo. Riportiamo il suo racconto direttamente dal suo blog ufficiale

Il racconto del giornalista disabile Dario Ricciardi: «A Capodichino trattato con violenza mai vista»

La Sardegna è un’isola splendida che incanta e rimane nel cuore sempre, anche quando si è costretti ad andar via. È proprio quello che è accaduto a me pochi giorni fa, quando, terminate le vacanze, ho dovuto lasciare la costa Smeralda. In aeroporto l’accoglienza è stata a dir poco perfetta: un’hostess gentile e professionale mi accompagna lungo i percorsi dell’aeroporto fino all’imbarco, dove mi affida ad altri suoi colleghi, altrettanto garbati e signorili, che non lasciano nulla al caso. La sedia che deve condurmi al mio posto in aereo è provvista di ogni necessario dispositivo : cintura di sicurezza, poggiapiedi, poggiatesta, braccioli. Davvero non si può chiedere di più e di meglio. Il volo è comodo e confortevole, ma, arrivato a Napoli la musica cambia. Un disastro, non so se sono in uno zoo o in aeroporto.

Ad accogliermi, senza neppure salutare, ci sono degli ululati paragonabili a quelli delle scimmie. Il primo urlo cavernoso e fastidioso è questo: ” Oè Cì, oè Cì (Ciro) t’aggia ritt e piglià ò guaglione”. Altro ululato scimmiesco: ” Comm ò piglio? pe man o pi pier?” (Come lo prendo? Per le mani o per i piedi?). Da questo tira e molla viene fuori una cosa tipo nove settimane e mezzo: nel tentare di sollevarmi vengo spogliato, pantaloni giù e maglia sollevata, e gettato sulla sedia con una violenza mai vista prima. Sedia? forse sì , ma non certamente adatta al trasporto di un disabile :la cintura di sicurezza è stata letteralmente inventata con quello che in napoletano viene comunemente definito ” ò sparatrapp” un po’di nastro sottile e…annodato alla bell’e meglio, come è possibile vedere in foto; del poggiapiedi e poggiatesta neppure l’ombra.

Non so come vengo portato fuori dal velivolo mentre vedo gli sguardi preoccupati dei miei genitori e quelli perplessi del personale dell’aereo. Sono a Napoli, in Italia, in Europa eppure penso che neanche nel più povero dei paesi del terzo mondo avrei ricevuto un’accoglienza e un trattamento simile.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Software editing video 2024: i migliori dell’anno

Software editing video 2024: i migliori dell'anno in una guida approfondita per scegliere quello più adatto a te.

Juve Stabia il punto sul DS Lovisa

Juve Stabia arriva la nota della società in merito alle voci sul possibile addio del Direttore Lovisa. Il Direttore Sportivo Matteo Lovisa precisa che, a...

Carrarese promossa in Serie B. Decide il solito Finotto

Carrarese ultima promossa in Serie B La Carrarese torna in Serie B dopo 76 anni, finale di ritorno contro il Vicenza decisa dal solito Finotto,...

Home theater 2024: le migliori soluzioni dell’anno

Home theater 2024: le migliori soluzioni dell'anno per ottenere la migliore qualità audio ad oggi possibile

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA