Bonus condizionatori: c’è tempo fino al 31 dicembre 2022

La legge di bilancio 2022 ha prorogato anche per l’anno il corso il bonus per l’acquisto di un condizionatore a pompa di calore. L’agevolazione rientra nel bonus mobili ed elettrodomestici e più in generale nel bonus ristrutturazioni. Ecco tutto ciò che serve sapere per richiederelo.

Bonus condizionatori: che cos’è?

Prevista dalla Legge di Bilancio 2021 e prorogata dalla Legge di Bilancio 2022, il bonus condizionatori 2022 è un’agevolazione rivolta a chi ha intenzione di acquistare un condizionatore o sostituire quello vecchio con uno meno inquinante. Nello specifico l’incentivo consente di ottenere una detrazione fiscale che va dal 50 al 65% o anche uno sconto immediato grazie alla cessione del credito e allo sconto in fattura.

Si precisa che è possibile usufruire del bonus condizionatori con o senza ristrutturazione, così come chiarito dalla guida dell’Agenzia delle Entrate, facendo rientrare l’agevolazione in altri due tipi di bonus:

  • bonus mobili ed elettrodomestici (con detrazione al 50%);
  • Ecobonus per il risparmio energetico (con detrazione al 65%);

Bonus condizionatori: a chi spetta?

Possono usufruire del bonus non solo i detentori di un immobile in cui sarà installato l’impianto, che siano sia persone fisiche che aziende, ma anche ai titolari di diritti reali o personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese.

Bonus condizionatori del 50%

La detrazione al 50% spetta a coloro che stanno svolgendo lavori di ristrutturazione in casa. Per usufruire del bonus condizionatori è pero necessario che le opere di ristrutturazione siano iniziate dopo il 1° gennaio dell’anno precedente a quello in cui si acquista il dispositivo. Nello specifico si avrà diritto al bonus del 50% sul condizionatore comprato nel 2022 se la ristrutturazione della casa è iniziata dopo il 1° gennaio 2021.

Bonus condizionatori del 65%

La detrazione del 65% spetta invece a chi sta usufruendo dell’ecobonus per lavori di riqualificazione energetica di un immobile. In questo caso, la detrazione fiscale a cui si può arrivare per l’acquisto di un nuovo condizionatore sale al 65% se lo si acquista con pompa di calore ad alta efficienza, per un importo massimo detraibile pari a 46.154 euro in dieci quote annuali. Stesso discorso nel caso in cui non si stia acquistando un condizionatore ex novo ma stia andando a sostituire un vecchio impianto appartenente a una classe energetica inferiore. Anche in questo caso la detrazione può essere richiesta solamente da chi inizia l’intervento di ristrutturazione edilizia dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto del condizionatore.

Come richiedere il bonus condizionatori: scadenze e documenti necessari

Il bonus condizionatori può essere richiesto in tre modi:

  • in fase di dichiarazione dei redditi, con la presentazione del modello 730 o del modello Unico;
  • con sconto immediato in fattura;
  • in credito d’imposta cedibile ai soggetti autorizzati come banche, intermediari finanziari e fornitori.

Per richiedere il bonus è necessario inoltre conservare e poi produrre alcuni documenti quali:

  • la fattura di acquisto;
  • ricevuta del bonifico;
  • ricevuta di transazione, se si sceglie di pagare con carta di credito.

L’agevolazione è valida fino al 31 dicembre 2022 senza limiti ISEE.

Si ricorda che:

  • Si può usufurire del bonus condizionatori chiedendo una detrazione nella dichiarazione dei redditi o optando per lo sconto direttamente in fattura o per la cessione del credito;
  • Può arrivare anche al 110% se si fa rientrare in uno dei lavori “trainati” previsti dal superbonus 110. In sintesi si può ottenere per una detrazione fiscale del 110% per l’acquisto o l’installazione di impianti di climatizzazione, o anche soltanto per la sostituzione dell’impianto di condizionamento, a patto che vengano realizzati congiuntamente a uno degli interventi trainanti del Superbonus 110%;
  • In caso di interventi che possono usufruire di agevolazioni per la riqualificazione energetica, c’è l’obbligo di comunicazione all’ENEA in merito ai lavori effettuati, dimostrando un risparmio energetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Francobollo dedicato a Mike Bongiorno

Nel centenario dalla sua nascita, emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy un francobollo dedicato a Mike Bongiorno.

Giro D’Italia parola a Tim Merlier e Tadej Pogacar

  Giro D'Italia vince Tim Merlier davanti a Milan.La Maglia Rosa è sempre di Tadej Pogacar. La voce dei protagonisti: CONFERENZA STAMPA Il vincitore di tappa Tim...

Napoli, triste epilogo per la vicenda dell’aggressione di inizio maggio

La tragica vicenda di Vincenzo Fiorillo, il commerciante di 91 anni aggredito da un giovane senzatetto tedesco, si è conclusa nel peggiore dei modi....

Galleria Umberto I: a quasi 10 anni dalla morte di Salvatore Giordano

Nel 2004 il giovane Salvatore Giordano perse la vita, una medaglia a valore civile la proposta

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA