Detti napoletani: S’è aunito ‘o strummolo ‘a tiriteppola e ‘a funicella corta, quando si usa?

A volte la vita sembra proprio accanirsi. Una serie di sventurate circostanze possono determinare grosse difficoltà e complicazioni.  Per dare la giusta misura alla sorte avversa a Napoli si usa l’espressione ” S’è aunito ‘o strummolo ‘a tiriteppola e ‘a funicella corta”.

“S’è aunito ‘o strummolo ‘a tiriteppola e ‘a funicella corta”, cosa significa?

L’espressione S’è aunito ‘o strummolo ‘a tiriteppola e ‘a funicella corta (letteralmente “Si sono uniti la trottola che gira male e la cordicella corta) ancora oggi molto in uso, nasce da ‘o strummolo, un gioco già in uso nel ‘700 e molto in voga fino agli anni del dopoguerra.

O strummolo era una sorta di trottola di legno che veniva fatta roteare con l’ausilio di una cordicella. Se la corda era abbastanza lunga ed il perno metallico sul quale la trottola roteava era ben posizionato, la trottola girava per più tempo. Viceversa se la corda era corta (‘a funicella corta), la trottola non riceveva la giusta spinta e terminava subito di roteare. Allo stesso modo se il perno non era ben collocato (‘o strummolo ‘a tiriteppola) la trottola risultava sbilanciata e quindi si adagiava subito al suolo.

Il gioco consisteva proprio nel far roteare per più tempo possibile ‘o strummolo . Naturalmente quando‘o strummolo era ‘a tiriteppola e ‘a funicella era corta la sconfitta era assicurata.

Ecco perchè per indicare la malasorte determinata da più fattori avversi, si dice “S’è aunito ‘o strummolo ‘a tiriteppola e ‘a funicella corta”. Il termine “strummolo” viene talvolta usato anche per canzonare un amico che dimostra di essere uno sprovveduto.

I giochi dimenticati

‘O strummolo non è l’unico gioco sconosciuto alle nuove generazioni. Se siete fortunati potreste chiedere ai vostri nonni o ai vostri genitori di raccontarvi di giochi come mazz ‘e piveze  – gioco simile al baseball che troviamo menzionato anche in “Guaglione” di Raffaele Viviani insiema a ‘o juoco re furmelle, ‘o liscio, ‘e ffiurelle,  ‘a ciaccia – giochi oramai del tutto dimenticati.

 

GUAGLIONE di Raffaele Viviani

Quanno jucavo ô strummolo, â liscia, ê ffijurelle,
a cciaccia, a mmazza e pívezo, ô juoco d”e ffurmelle,

stevo ‘int’ â capa retena d’’e figlie ‘e bbona mamma,
e me scurdavo ô ssolito, ca me murevo ‘e famma.

E comme ce sfrenàvamo: sempe chine ‘e sudore!
‘E mamme ce lavàvano minute e quarte d’ore!
Junchee fatte cu ‘a canapa ‘ntrezzata, pe ffà a pprete;
sagliute ‘ncopp’a ll’asteche, p’annarià cumete;

p’ ‘o mare ce menàvamo spisso cu tutte ‘e panne;
e ‘ncuollo ce ‘asciuttàvamo, senza piglià malanne.

‘E gguardie? sempe a sfotterle, pe’ ffà secutatune;
ma ê vvote ce afferravano cu schiaffe e scuzzettune

e â casa ce purtavano: Tu, pate, ll’hê ‘a ‘mparà!
Ma manco ‘e figlie lloro sapevano educà.

A dudece anne, a tridece, tanta piezz”e stucchiune:
ca niente maje capévamo pecché sempe guagliune!

‘A scola ce ‘a sàlavamo p”arteteca e p”a foja:
‘o cchiú ‘struvito, ô massimo, faceva ‘a firma soja.

Po gruosse, senza studio, senz’arte e senza parte,
fernévamo pe perderce: femmene, vino, carte,

dichiaramiente, appicceche; e sciure ‘e giuventú
scurdate ‘int’a ‘nu carcere, senza puté ascí cchiú.

Pur’io jucavo ô strummolo, â liscia, ê ffijurelle,
a cciaccia, a mmazza e pívezo, ô juoco d”e ffurmelle:
ma, a dudece anne, a tridece, cu ‘a famma e cu ‘o ccapí,
dicette: Nun po’ essere: sta vita à dda ferní.

Pigliaje ‘nu sillabbario: Rafele mio, fa’ tu!
E me mettette a correre cu A, E, I, O, U.

 

(in copertina I Guagliune, disegno di Filippo Palizzi)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Sanremo 2025, cosa cambia con Carlo Conti

Si preannuncia un’edizione rivoluzionaria per il Festival di Sanremo 2025, che vedrà Carlo Conti tornare alla guida del celebre evento musicale. Dopo cinque edizioni...

Torre Annunziata, neutralizzata banda di pusher

I carabinieri di Torre Annunziata hanno smantellato una banda di spacciatori, eseguendo cinque arresti su mandato del gip di Napoli, su richiesta della Direzione...

Napoli, padre e figlio di San Giovanni a Teduccio feriti da un aggressore

Un padre e suo figlio sono stati aggrediti nella notte tra il 9 e il 10 giugno a Napoli Est. I carabinieri di Ponticelli...

A Torre Annunziata i segreti e la tecnica della “spada del mare dell’Est”

Presto anche agli atleti torresi la possibilità di apprendere i segreti e la tecnica della “spada del mare dell’Est" con l'intervento del Grand Master Giovanni Taranto, delegato regionale Unitam per la Campania

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA