" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Jólabókaflód è una parola che sa di montagna, di profumo di abete, di calore in casa, di atmosfera, di magia del Natale. Non si tratta di un termine a caso; deriva dall’unione di tre parole e indica una bellissima tradizione islandese. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Regali che riscaldano il cuore e la mente

Il termine Jólabókaflód deriva dall’unione di tre parole: jól (“Natale”) +‎ bók (“libro”) e‎ flóð (“alluvione, inondazione”).  Jólabókaflód, dunque, è una tradizione islandese che consiste nel regalare valanghe di libri ad amici e parenti ed iniziarli a leggere immediatamente la notte del 24 Dicembre. Si tratta di una vera e propria inondazione di libri. Durante le festività natalizie, le librerie islandesi straripano di libri. Già a Novembre ognuno, nella propria cassetta postale, si ritrova il Bókatídindi, il catalogo di tutte le nuove pubblicazioni.
Libri da regalare a Natale 2018: da Oliver Sacks a Federica Bosco, i nostri dieci titoli da regalare a differenti tipologie di lettori.

Jólabókaflód, come è nata?

Nel 1944 l’Islanda ottenne l’indipendenza dalla Danimarca. La carta, a quell’epoca, era una delle poche merci che circolava in abbondanza. Gli islandesi perciò, non avendo altri beni a disposizione, svilupparono un forte amore per i libri.Da allora, gli islandesi hanno mantenuto viva questa tradizione.

Attenzione però! Il libro deve essere rigorosamente di carta.

 

Correlati: Lettere da Babbo Natale di Tolkien

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami