“Meditate gente! Meditate!”

PUBBLICITA

Quattro anni fa la piccola Greta Thumberg con il suo Skolstrejk för klimatet  (divenuto poi Fridays for Future) ha smosso il mondo intero. La studentessa svedese, prima ogni giorno e poi ogni venerdì, saltava la scuola per sedersi fuori al Parlamento svedese con in mano un cartello. Era il suo modo per sensibilizzare le istituzioni sull’emergenza climatica.

Greta non imbrattava nulla. Piuttosto restava sotto la pioggia con il suo impermeabile giallo. Greta non urlava. Era il cartello a parlare per lei. Greta non danneggiava opere d’arte, né si faceva trascinare in questura. Eppure, la allora 15enne con il suo silenzio ha smosso il mondo intero.

greta
Lo slogan di Greta Thumberg: Skolstrejk för klimatet («Sciopero scolastico per il clima»

In occasione del “Global Strike cor Future” 60 paesi del mondo, compresa l’Italia (180 città italiane), parteciparono a cortei e manifestazioni per chiedere un cambiamento delle politiche e sensibilizzare cittadini ed istituzioni sul fatto che l’impatto umano sul pianeta è sempre meno sostenibile ed il tempo a disposizione per affrontare il problema è sempre minore.

In pochissimo tempo la studentessa svedese è diventata il simbolo e la rappresentante più conosciuta del movimento ambientalista studentesco. Su lei e sui suoi genitori è stato, tuttavia, gettato tantissimo veleno. Commenti al vetriolo come “Dà un cattivo insegnamento ai ragazzi che seguendo la sua presa di posizione smettono di andare a scuola” oppure “La ragazzina non pensa certo quelle cose; sono i genitori a manipolarla. hanno trovato un modo per far soldi” hanno riempito tutte le piattaforme social. E naturalmente, ora che si è ritirata, i commenti sono diventati ancora più aspri.

Alla luce peró di quanto sta accadendo in questi mesi in tutti i musei del mondo, mi piacerebbe sapere se tutti coloro che hanno criticato il modus operandi di Greta, hanno poi compreso che il suo modo di manifestare non ha mai danneggiato niente e nessuno; anzi, ha contribuito a gettare un seme nelle coscienze di tanti – giovani e meno giovani – che fino a quel momento non avevano certo ancora maturato alcuna idea ambientalista.

“Meditate gente! Meditate!” – recitava un famoso spot pubblicitario degli anni 80.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Juve Stabia Tarantino ed il suo Pulp Fiction

  Juve Stabia protagonista di questo focus Nazzareno Tarantino, allenatore in seconda e pezzo importante della storia gialloblu. Nazzareno Tarantino è stato protagonista in questo campionato...

Usd Mazara-Nissa1-2 Tabellino Cronaca

Seconda sconfitta per il Mazara che perde in casa contro la capolista la salvezza tramite i play out si decidono nei ultimi novanta minuti

Pompei, taglio del nastro per la sesta edizione de Gli Incontri di Valore

"La cultura è l'unico bene che se condiviso, anzichè diminuire, diventa più grande" - così stamani Nicola Ruocco, presso l'Hotel Habita 79, in occasione dell'inaugurazione della sesta edizione de "Gli Incontri di Valore", rassegna divenuta in soli tre anni uno dei più prestigiosi salotti letterari d'Italia.

Impatti del 5G sulla produzione di contenuti multimediali

Nel panorama attuale dell'industria dei contenuti multimediali, un'evoluzione significativa sta prendendo forma sotto l'impulso della quinta generazione di tecnologie di telefonia mobile, comunemente nota come 5G.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA