Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Il Premio Napoli C’E’ quest’anno giunge alla sua XI edizione

L’evento Premio Napoli C’E’ si svolgerà lunedì 23 novembre alle ore 20:00 al Teatro Acacia, che si trova al Vomero in via Raffaele Tarantino 10.

Il Premio è stato ideato dalla rivista mensile “l’Espresso napoletano”. L’imprenditore culturale ed editore della casa editrice Rogiosi, Rosario Bianco, ne spiega il senso nel corso della conferenza stampa svoltasi mercoledì 18 novembre presso il Salone degli Specchi di Palazzo Zapata.

Napoli  è una città ricca di positività e di belle persone, Napoli C’E’ rappresenta un momento in cui un privato, coerente con la propria missione aziendale, cerca di dare luce a quella positività, in contrapposizione con la negatività descritta troppo spesso dai giornali. A volte l’informazione, quasi morbosamente, oscura le cose belle che vengono fatte nel Paese e a Napoli in particolare. Rosario Bianco spiega come il loro intento sia invece quello di mettere in evidenza il buono della città partenopea, premiando tutte quelle risorse che in questo momento stanno lavorando per la città.

L’evento sarà presentato da Gino Rivieccio e Bruno Mirabile. Vi saranno momenti di spettacolo  con Monica Sarnelli, che presenterà brani del suo ultimo lavoro discografico “Napoli@colori”  e brani del suo prossimo spettacolo “Sirene, sciantose, malafemmene ed altre storie di storie veraci” in scena al Teatro delle Palme dal prossimo finesettimana.  Vi saranno anche le esibizioni dei ballerini di tango Pablo Calvelli e Natalia Cristofaro, preparati dal maestro Stefi Dionisi, direttore della scuola “Milonga Portena”.  Stefi Dionisi è un ingegnere che a un certo punto della sua vita ha incontrato il tango ed ha capito che c’era tanta parte di stesso ancora inespressa. Col passare del tempo il tango è diventato per lui una professione. Nasce così la sua scuola di tango napoletano e il Tam Tam festival, giunto anch’esso alla sua XI edizione.

 

Il 2015 è l’anno della legalità e a questo tema si ricollega anche il Premio Napoli C’E’. La casa editrice Rogiosi porta avanti da tempo il discorso sulla difesa della legalità, attraverso un lavoro realizzato con le scuole e le famiglie, dando spazio ad associazioni e accogliendo lettere scritte dai detenuti di Poggioreale. E siccome la legalità è donna, perché il primo esempio ci viene dato dalle madri, Napoli C’E’ premierà due magistrati donna: il PM Graziella Arlomede e il Gip Francesca Ferri. Insieme a loro anche un magistrato che in questi anni è stato in prima linea nella lotta contro la criminalità organizzata, Catello Maresca.

Per quanto riguarda la medicina, saranno premiati i medici Gianmaria Fabrizio Ferrazzano  e Mario Fabbrocini, il quale opera ad Alessandria ma torna spesso a Napoli. Premiate anche storie di ordinaria bellezza umana come nel caso degli imprenditori Vincenzo Bianco, Teresa Tufano e Antonio Cangiano, che con le loro attività hanno creato situazioni sociali economiche positive per il territorio. Saranno premiati gli artisti Marco Abbamondi e Stefano Ciannella, cresciuti nella bottega di Lello Esposito ed arrivati oggi ad esporre al museo di Tokyo. Il giornalista Gianni Ambrosino di Canale 21, napoletano, il quale collabora per presentare al meglio Napoli , offrendo informazione di qualità. Un premio andrà anche ad un’associazione di ragazzi non vedenti che ha vinto il campionato di calcio per non vedenti, una storia piena di bellezza.

Il Premio Napoli C’E’ 2015 sarà dato anche ad Alessandro Siani, attore napoletano molto amato, il quale ha scelto di continuare a vivere a Napoli, rappresentandola molto bene nel mondo dello spettacolo.

Sorrento - Maria Grazia Cucinotta incontro con Alessandro Siani

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi