Il Vulìo di Gea Martire in scena al Nuovo teatro San Carluccio

Gea Martire  al  San Carluccio dal 29 gennaio all’ 8 febbraio

La pièce teatrale in scena in questi giorni nel teatro di Via Chiaia dimostra, inesorabilmente, che il ruolo della caratterista che, in diverse occasioni, la Martire ha ricoperto al cinema le va sicuramente stretto. Lo spettacolo,  la cui regia è stata curata da Antonio Capuano, è solo in apparenza inscrivibile nel filone dell’ one-man-show; in realtà il talento dell’ attrice consente a numerose figure di spuntare dal proscenio, dalle quinte, dal fondale volutamente nero e spoglio per farci ascoltare le loro voci.

Zia Angelina su tutte, ma anche Don Peppino, la capodama e la temibile Romina: la Martire cambia voce, espressione, postura per dar vita a questi personaggi che consentono il dipanarsi della storia mentre il corpo sinuoso di Maria Immacolata fa ginnastica, e da esso pervade la sensualità di Bocca di rosa, la passione senza impudicizia che si scontra con una fede che è solo pie pratiche, non autentico sentimento dello spirito. Il linguaggio non è mai volgare, ricco di diversi accenti e altalenante tra l’ italiano e la lingua di Partenope e con entrambi i registri linguistici l’attrice riesce a strappare senza alcuna difficoltà risate e applausi a scena aperta.

Il pellegrinaggio a Lourdes, necessario momento di catarsi per Maria Immacolata, ottiene il suo effetto anche se per vie poco canoniche e genera addirittura dei miracoli, come sempre fa l’amore, anche quello più squisitamente fisico; le doti interpretative di Gea Martire trovano il punto più alto di tutta la  narrazione quando l’attrice riesce a trasportare, con quella magìa che solo il teatro possiede, il pubblico in sala sull’ Explanade, durante il flambeau (suggestiva processione serale dei malati nel santuario mariano); le citazioni di “Filumena Marturano” si mescolano -senza perdere la loro allure- con quelle tratte direttamente da Youtube e il finale, amaro e verosimile, ci regala il Tango del Vulìo, sulle struggenti note di “Por una cabeza” di Carlos Gardel.

Alla fine della rappresentazione di domenica 1 febbraio, il Nuovo teatro San Carluccio ha organizzato una rassegna di approfondimento psicologico sui temi sollevati dallo spettacolo a cura della dott.ssa Alessia Pagliaro, cui ha partecipato anche la stessa Gea Martire.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Last Exile – L’angolo del Nerd e dell’Otaku

Last Exile è ambientato sul pianeta Priester, dove esistono due nazioni in perenne guerra fra loro: Anatore e Disith. Entrambe le nazioni dipendono da una terza fazione neutrale, la Gilda, che fornisce ad ambo le parti la tecnologia necessaria per sopravvivere. infatti l'unico modo per spostarsi è affidato a navi di varia dimensione e forma. Claus e Lavi sono due ragazzi orfani che vivono nella nazione di Anatore e vivono facendo i corrieri usando le Vanship, veicoli biposto retro futuribili. Per caso i due si trovano costretti a scortare una bambina, Alvis, sulla misteriosa nave da Guerra "Silvana". Questo li porterà a vivere un'avventura che coinvolge tutte è tre le fazioni

Sant’ Antonio Abate altra conferma

Sant' Antonio Abate altra conferma in casa giallorossa per il prossimo campionato Il Sant’Antonio Abate 1971 è lieto di annunciare il rinnovo del contratto con...

Sant’Antonio Abate continua l’avventura del capitano

Sant' Antonio Abate ci sarà il continuo del matrimonio con Giuseppe Esposito. Il comunicato stampa ufficiale Il Sant’Antonio Abate 1971 è lieto di annunciare il...

Torino ufficiale Paolo Vanoli

Torino è ufficiale il matrimonio con Mister Paolo Vanoli. Il dettaglio nel luogo comunicato stampa ufficiale Torino Football Club è lieto di annunciare che dal...

ULTIME NOTIZIE

Sant’ Antonio Abate altra conferma

PUBBLICITA