Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

A San Valentino innamorati di un libro e corri in libreria!

Ci sono sempre buone ragioni per entrare in libreria e perdere la testa tra centinaia di romanzi, thriller o graphic novel ma a San Valentino, ti diamo due motivi in più per correre in libreria.
La festa dell’amore per antonomasia non può non essere celebrata con un regalo che possa far innamorare ancor di più il tuo partner. E cosa fa innamorare di più di un buon libro (e magari, una scatola di cioccolatini)?

Il primo motivo per andare in libreria: trovare il libro perfetto per la tua dolce metà.
Non hai nessuna idea? Ecco 5 libri consigliati dalla nostra redazione.

1. “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” di Salvatore Basile

Michele è solo un bambino quando, un giorno, dopo la scuola, apre la porta della sua casa nella piccola stazione di Miniera di Mare e trova sua madre di fronte a una valigia aperta. Fra le mani tiene il diario segreto di Michele, un quaderno rosso con la copertina un po’ ammaccata. Con gli occhi pieni di tristezza la donna chiede a suo figlio di poter tenere quel diario, lo ripone nella valigia, ma promette di restituirlo. Poi, sale sul treno in partenza sulla banchina.
Sono passati vent’anni da allora. Michele vive ancora nella piccola casa dentro la stazione ferroviaria. Addosso, la divisa di capostazione di suo padre. Negli occhi, una tristezza assoluta, profonda e lontana. Perché sua madre non è mai più tornata. Michele vuole stare solo, con l’unica compagnia degli oggetti smarriti che vengono trovati ogni giorno nell’unico treno che passa da Miniera di Mare. Perché gli oggetti non se ne vanno, mantengono le promesse, non ti abbandonano.
Finché un giorno, sullo stesso treno che aveva portato via sua madre, incastrato tra due sedili, Michele ritrova il suo diario. Non sa come sia possibile, ma Michele sente che è sua madre che l’ha lasciato lì. Per lui.
E c’è solo una persona che può aiutarlo: Elena, una ragazza folle e imprevedibile come la vita, che lo spinge a salire su quel treno e ad andare a cercare la verità. E, forse, anche una cura per il suo cuore smarrito.

2. “Shakespeare e l’amore” di Arturo Cattaneo

“Romeo e Giulietta”, “Otello”, i “Sonetti”… le più famose opere di Shakespeare dedicate all’amore ci emozionano oggi come quattrocento anni fa. Ogni capitolo di questo libro racconta, intrecciando aneddoti, curiosità e fatti storici, un’idea dell’amore secondo Shakespeare: l’amore a prima vista che si crede eterno, l’amore che si muta in odio e uccide, l’amore che impone di farsi raccontare in una storia che è confessione e denuncia insieme… Una casistica straordinaria, con al centro la domanda di sempre: l’amore è commedia o tragedia? Un percorso che dalla passione tra adolescenti in “Romeo e Giulietta” porta alla tragedia del razzismo e della gelosia in “Otello”, fino alla sorpresa dei “Sonetti”. Qui Shakespeare è il protagonista, parla in prima persona e si mette crudelmente a nudo in un diario segreto dove confessa due passioni, per un giovane biondo e una dama bruna, che si confondono in un triangolo difficile da districare.

3. “Non aspettare la notte” di Valentina D’Urbano

Giugno 1994. Il nonno di Angelica le offre la possibilità di trascorrere l’estate nella sua villa in campagna dove potrà riposarsi e continuare a nascondersi. Perché a soli vent’anni Angelica dopo l’incidente d’auto in cui sua madre è morta, seppur bellissima, è coperta da cicatrici. Per questo indossa sempre abiti lunghi e un cappello a tesa larga. Ma nessuno può nascondersi per sempre. A scoprirla sarà Tommaso, un ragazzo che non riesce più a dimenticarla. Anche se non la può vedere bene, perché per Tommaso sono sempre più i giorni neri. Ma grazie a una Polaroid, Tommaso immortala anche le cose che sul momento non vede, così da poterle riguardare quando recupererà la vista. In quelle foto, Angelica è bellissima, e Tommaso se ne innamora. E con il suo amore e la sua allegria la coinvolge, nonostante le ritrosie. Ma proprio quando sembra che sia possibile non aspettare la notte, la notte li travolge…

4. “Non dimenticare” di B. A. Paris

Erano giovani, impulsivi e innamorati. Si conoscevano da pochi mesi, eppure erano certi che sarebbero rimasti insieme per sempre. Poi c’era stata quella vacanza in Francia. Durante il viaggio di ritorno, Finn si è fermato a una stazione di servizio e, per qualche minuto, ha lasciato Layla sola in macchina. Quando è tornato, lei era scomparsa. Questo è ciò che Finn ha raccontato alla polizia. Ed è la verità. Ma non è tutta la verità…
Dodici anni dopo, Finn è un uomo diverso, più maturo e sicuro di sé. Sebbene il ricordo del suo primo amore non lo abbia mai abbandonato, lui ormai si è costruito una nuova vita, trovando conforto tra le braccia di Ellen, la sorella di Layla. Insieme, i due sono riusciti a esorcizzare il passato, si sono trasferiti fuori città e adesso hanno deciso di sposarsi. Ma, all’improvviso, la serenità di Finn viene turbata da due episodi inquietanti. Prima la telefonata del suo anziano ex vicino, che sostiene di aver visto una donna identica a Layla aggirarsi nel quartiere. Poi, la sera, Ellen che stringe tra le mani la bambola più piccola di un set di matrioske. Lei dice di averla trovata sul marciapiede, davanti al vialetto d’ingresso. Per Finn, quell’oggetto ha un significato preciso. Possibile che Layla sia tornata? Che la sua paura peggiore stia per diventare realtà? Il dubbio che qualcuno abbia scoperto il suo segreto si trasforma in ossessione quando lui stesso trova un’altra piccola bambola sul muretto di casa. E un’altra ancora sul cofano dell’auto, qualche giorno dopo. E questo è solo l’inizio…

5. “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore” di Raymond Carver

Di cosa parliamo quando parliamo d’amore? Parliamo di un bicchiere di gin che si rovescia in una stanza dove discutono due coppie stanche. Di vecchi amici che forse per noia, forse per altro, commettono senza rendersene conto un delitto terribile. Di pasticceri a cui non hanno ritirato torte di compleanno. Parliamo di gesti che sembrano insignificanti, e invece sono in grado di restituire a ogni vita tutta la grazia nascosta dietro la banalità della cattiveria e della paura. I diciassette racconti che hanno reso Raymond Carver un autore di culto: l’espressione piú limpida di una scrittura che con miracolosa semplicità arriva sempre al cuore delle cose. Imbattersi nei diciassette racconti di “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore” vuol dire, soprattutto, realizzare che molte delle cose che pensi non solo esistono ma puoi addirittura parlarne, anche se non sai esattamente di cosa parli»

Il secondo motivo per correre in libreria: non perderti una dolce iniziativa

I librai delle librerie Feltrinelli hanno pensato a un’iniziativa per San Valentino: suggeriranno dediche d’amore ai lettori. Le dediche sono firmate dagli scrittori che hanno dato vita alle storie d’amore più belle e romantiche di tutti i tempi: da D.H. Lawrence a John Williams, da Irène Némirowsky a Paul Auster e tanti altri . Inoltre, proprio nel giorno di San Valentino, nelle principali librerie laFeltrinelli di 12 città italiane saranno presenti venticinque autori dal vivo per firmare le loro dediche speciali ai lettori che ne faranno richiesta.

Ecco la lista completa delle librerie aderenti:

Roma
laFeltrinelli di Largo di Torre Argentina: Cinzia Giorgio e Emilio Krogh
laFeltrinelli di viale Libia: Valentina D’Urbano
laFeltrinelli di Galleria Alberto Sordi: Max e Francesco Morini

Milano
laFeltrinelli Duomo: Chiara MoscardellilaFeltrinelli di Piazza Piemonte: Luca Ammirati

BarilaFeltrinelli di via Melo: Cinzia Cognetti e Antonella Palumbo

BolognalaFeltrinelli di Piazza Ravegnana: Massimo Vitali

CatanialaFeltrinelli di via Etnea: Giusy Capizzi

FirenzelaFeltrinelli di via de’ Cerretani: Sara Gazzini

GenovalaFeltrinelli di via Ceccardi: Dario Apicella e Cinzia Pennati

PadovalaFeltrinelli di via S. Francesco: Gioia e Valentina, le “Personal Book Shopper”

LeccelaFeltrinelli di via Templari: Valeria Blando e Valentina Perrone

MestrelaFeltrinelli CC Le Barche: Luca Zupo

Napoli laFeltrinelli di Piazza Martiri: Nunzia Marciano e Piero Sorrentino

PalermolaFeltrinelli di via Cavour: Francesco Faraci e Alli Traina

TorinolaFeltrinelli di Piazza CLN: Lucrezia Scali

VeronalaFeltrinelli di via Quattro Spade: Laura Toffaletti

 

Fonte immagine principale: Gli amanti dei libri
Print Friendly, PDF & Email

A proposito dell'autore

Libri, viaggi, curiosità e vibrazioni positive con un tocco di rosa, ecco chi sono!Mi chiamo Alessia, ho ventun anni, una passione infinita per i libri, un indiscutibile curiosità che mi porta ad avere la valigia sempre pronta per partire e fare il giro del mondo e tanta, tanta voglia di parlare. Sono al terzo anno di Scienze della Comunicazione e, tra un esame e l’altro, mi piace trascorrere le mie mattinate nella cabina radiofonica di RunRadio, la web radio del Suor Orsola Benincasa di Napoli, essendo speaker di due programmi. Sono ambiziosa e intraprendente, dinamica e vivace, insomma una sognatrice con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole. Sono arrivata fin qui spinta dall'irrefrenabile istinto di voler fare qualche tipo di rivoluzione, magari anche solo una rivoluzione di me stessa.

Post correlati

Scrivi