Cagliari. Fabrizio Bosso con l’Enchantment Quartet in concerto

Fabrizio Bosso Enchantment Quartet s

Venerdì sera a Cagliari per la rassegna “Forma e poesia nel jazz” Fabrizio Bosso con l’Enchantment Quartet fra brani originali e pagine di musica per il cinema di Nino Rota rilette in chiave jazz (Teatro delle Saline, ore 21).

Quarto appuntamento con la rassegna Forma e Poesia nel Jazz (quest’anno alla sua edizione numero sedici), venerdì sera (17 maggio) a Cagliari: al Teatro delle Saline, a partire dalle ore 21, è di scena uno dei nomi di primissimo piano nel panorama jazzistico nazionale, il trombettista Fabrizio Bosso, alla testa dell’Enchantment Quartet. Si tratta di una formazione nata nel 2011 per registrare, con la partecipazione straordinaria della London Symphony Orchestra, su arrangiamenti e direzione del maestro Stefano Fonzi, il disco “Enchantment – L’Incantesimo”, l’omaggio di Fabrizio Bosso a Nino Rota nel centenario della nascita del grande compositore di colonne sonore per il cinema.

Accanto a sé il trombettista torinese (quarant’anni da compiere a novembre) ha chiamato Claudio Filippini, giovane e talentuosissimo pianista, Rosario Bonaccorso, uno dei più apprezzati contrabbassisti sulla scena del jazz nostrano, e il batterista Lorenzo Tucci, da anni compagno di viaggio di Bosso in tanti progetti. Attraverso i concerti seguiti alla registrazione del disco, il quartetto ha maturato via via una propria sonorità e un’identità ben definita. Da qui la decisione di far vivere questa formazione anche senza l’orchestra e con un repertorio che comprendesse brani di Nino Rota, come le musiche per Il Padrino, Romeo e Giulietta, Amarcord, il Gattopardo, La dolce vita, naturalmente riletti in chiave jazz, ma anche pezzi originali di ciascuno dei componenti dell’Enchantment Quartet.

I biglietti, a quindici euro (più 2,50 di prevendita), si possono acquistare al Box Office di Cagliari, in viale Regina Margherita, 43 (tel. 070657428). Venerdì botteghino aperto al Teatro delle Saline a partire dalle ore 19.30.
Prossimo appuntamento
con Forma e Poesia nel Jazz sabato 25 maggio: come ad ogni edizione, la rassegna ha in programma una serata tra musica e letteratura alla Galleria d’Arte di Paola Frau, in via La Marmora, nel quartiere di Castello (ore 20, ingresso gratuito).

FPJ – Forma e poesia nel jazz – soc. coop. soc.

via Brigata Sassari, 31 – 09045 Quartu Sant’Elena (CA)

tel. 070 45 13 104 – fax 070 45 15 238

e-mail: formaepoesianeljazz@tiscali.it

Ufficio stampa:

Riccardo Sgualdini

tel.: 070 34 95 415

cell.: 347 83 29 583

e-mail: tagomago.1@gmail.com

 

Fabrizio Bosso

(dal sito www.fabriziobosso.eu )

Fabrizio Bosso ha iniziato a suonare la tromba a 5 anni. A 15 era già diplomato al conservatorio G. Verdi di Torino. Coltivando di continuo gli interessi per la musica di estrazione colta si è accostato al jazz. Un richiamo forte, suadente, a cui il torinese non ha saputo reagire. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce di Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell’interpretazione di standard.

Oltre ad aver svolto attività concertistica sotto la direzione di George Russell, Mike Gibbs, Kenny Wheeler, Dave Liebman, Carla Bley e Steve Coleman, è stato anche reclutato da Charlie Haden per alcune tappe del tour promozionale dell’ultimo album della Liberation Music Orchestra.

Nel 1999 viene votato come “Miglior Nuovo Talento” del jazz italiano dal referendum della rivista Musica Jazz, esce il suo primo disco “Fast Flight” in quintetto con Rosario Giuliani pubblicato per la RED RECORDS e negli anni collabora stabilmente nei gruppi di Salvatore Bonafede, Giovanni Mazzarino ed Enrico Pieranunzi.

Ma sono gli anni 2007/2008 a incoronare Fabrizio come uno dei più grandi musicisti italiani. Dapprima il successo nel 2007 di quello che è considerato il suo vero esordio da leader per una casa discografica importante, la BLUE NOTE / EMI ITALIA, “You’ve Changed”, realizzato con il suo quartetto stabile e un’orchestra di tredici archi, la Bim String Orchestra coordinata dal violoncellista Giuseppe Tortora e diretta da Paolo Silvestri, con ospiti Diane Reeves e Sergio Cammariere. Inoltre la partecipazione al successo di “Trouble Shootin'”, bel disco di Stefano Di Battista con il quale ha realizzato importanti tournée in Europa.

Nel 2008 invece, oltre a “Five Four Fun” degli High Five, Fabrizio ha pubblicato “Sol!” (entrambi BLUE NOTE / EMI ITALIA) con il Latin Mood composto da Javier Girotto (co-leader), Natalio Mangalavite, Marco Siniscalco e Luca Bulgarelli, Lorenzo Tucci, Bruno Marcozzi, più l’ospite special Raul Midón. Il secondo disco del Latin Mood, “Vamos”, è stato recentemente pubblicato per l’etichetta SCHEMA RECORDS.

Sempre nel 2008 esce il funambolico duo con Antonello Salis per la PARCO DELLA MUSICA RECORDS: “Stunt” (con cui ha vinto il TOP JAZZ 2009). Fabrizio inoltre, sempre in quell’anno, ha partecipato al progetto, realizzato da Roberto Gatto e dedicato al rock progressivo, inciso anche per la serie Jazz Italiano Live 2008 del La Casa del Jazz / L’Espresso. Di quella collana è presente anche in un altro progetto realizzato da Stefano Di Battista : “Omaggio a Fabrizio De André”.

Nel 2009, dopo un’apparizione in qualità di ospite speciale al Festival di Sanremo (cui aveva già partecipato la precedente edizione con Sergio Cammariere) al fianco della giovane promessa Simona Molinari, ha partecipato al progetto “About a Silent Way” di Maurizio Martusciello con Francesco Bearzatti, Eivind Aarset e Aldo Vigorito, uscito in allegato a Musica Jazz per celebrare i 40 anni dell’opera di Miles Davis (messo in commercio in seguito da ITINERA con distribuzione EGEA). Ha inoltre realizzato un disco in quartetto, con Luca Mannutza, Luca Bulgarelli e Lorenzo Tucci, per la collana del Jazz Italiano de la Casa del Jazz/L’Espresso, ospiti Roberto Cecchetto, Giuseppe Milici, Natalio Mangalavite, Bruno Marcozzi e con la partecipazione straordinaria di Filippo Timi e un disco per il mercato giapponese, con Luca Mannutza, Lorenzo Tucci e Nicola Muresu e ospiti Marco Tamburini e Max Ionata, dal titolo “Black Spirit”.

Nel 2010 ha partecipato al bellissimo progetto “Complete Communion”, ideato dal batterista italo francese Aldo Romano con Henri Texier e la formidabile altista Geraldine Laurent. Il CD live è uscito allegato a Musica Jazz e la versione in studio è stata pubblicata dalla prestigiosa label francese DREYFUS. Nel giugno 2010, grazie all’idea degli organizzatori del Festival di Bolzano, nasce il duo con Luciano Biondini che si rivela subito un successo. In autunno 2010 realizzano una piccola tournée africana e nel 2011 hanno tenuto moltissimi concerti. Alla fine dell’anno 2010 Fabrizio ha dato vita ad un nuovo trio, con Alberto Marsico all’organo hammond e pianoforte, e Alessandro Minetto alla batteria. Con loro ha registrato “Spiritual”, album molto apprezzato dalla critica e richiesto dai festival estivi e non solo. Sempre a fine 2010 ha registrato il disco “Libero” con il quartetto storico e l’aggiunta del chitarrista Roberto Cecchetto, pubblicato in Giappone per la PONY CANYON.

Sempre nel 2010 nasce una collaborazione “extrajazz” con il cantante, compositore e chitarrista Filippo Tirincanti, che ha pubblicato nell’aprile 2011 la sua opera prima,”Otherwise”, nella quale la poetica di Fabrizio s’intreccia magnificamente con gli intenti del cantautore di Riccione.

Ancora Top Jazz 2010 come miglior trombettista e ancora Sanremo nel 2011, questa volta al fianco di Raphael Gualazzi, che stravince la categoria giovani. A Febbraio 2011 si è tenuta anche la prima data del duo con Rosario Bonaccorso “estratto” dal quartetto del contrabbassista “Travel Notes”, con il quale Fabrizio ha inciso il disco uscito a Gennaio 2012 per la PARCO DELLA MUSICA RECORDS. Il mondo musicale e narrativo di Bonaccorso si addice in modo speciale a Fabrizio, che vi partecipa con intensità e naturalezza straordinarie. A Maggio Fabrizio si impegna in un altro sodalizio eccellente, quello col pianista Nazzareno Carusi, con il quale affronta i mondi affascinanti di compositori come Schumann e Schubert. Sempre nel 2011 nasce “Il Sorpasso in Jazz”, con regia di Emilio Sioli in cui il quartetto commenta alcune immagini del capolavoro di Dino Risi.

Il 21 e 22 giugno 2011 Fabrizio ha registrato a Londra, agli Air Studios, “Enchantment – L’Incantesimo” (SCHEMA) con la London Symphony Orchestra. Il progetto è dedicato alla musica di Nino Rota in occasione del centenario della nascita. Gli arrangiamenti e la direzione d’orchestra sono del M° Stefano Fonzi, che è stato anche l’ideatore del progetto. Con lui la ritmica di Claudio Filippini al pianoforte, Rosario Bonaccorso al contrabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria.

“Enchantment” ha già un curriculum concertistico. Il repertorio viene eseguito con orchestre residenti ed è stato per ora suonato a Sulmona, Caserta, Ravenna, Taranto, Matera, Roma, nella sala A di via Asiago e trasmesso su RAI RADIO1, a Castellaneta, a breve nelle Marche e a Vicenza, in attesa delle numerose date estive.

Il 17 febbraio scorso Fabrizio ha calcato nuovamente il palco dell’Ariston per il Festival di Sanremo come special guest di Nina Zilli.

Nel mese di marzo ha partecipato come ospite musicale fisso alle quattro puntate della trasmissione, in onda su Canale 5, “Panariello non esiste”, esibendosi con artisti come James Taylor, Massimo Ranieri, Rocco Papaleo, Claudio Baglioni, Renato Zero.

A maggio 2012 quattro concerti tra il Blue Note di Nagoya e quello di Tokyo e la partecipazione al Festival Poiesis di Fabriano con il progetto You’ve Changed e con una particolarissima performance con Pierfrancesco Favino. A fine giugno torna in RAI per eseguire in diretta dallo studio 2 di via Teulada, la sigla dell’ultima puntata di Ballarò, il seguitissimo programma di approfondimento condotto da Giovanni Floris. Il 30 Giugno inaugura il Festival di Ravello con Enchantment, eseguito nel meraviglioso Belvedere di Villa Rufolo con la Nuova Orchestra Scarlatti.

L’estate 2012 conferma Fabrizio come uno degli artisti più apprezzati e amati del momento: a Umbria Jazz, sul palco del Teatro Morlacchi, esegue le due partiture di Gil Evans “Miles Ahead” e “Quiet Nights” con la Eastman Jazz Orchestra diretta da Ryan Truesdell, alternandosi con Paolo Fresu che ha invece eseguito “Porgy & Bess” e “Sketches of Spain”.

I due trombettisti si sono poi ritrovati insieme sul palco per i richiestissimi bis con grande entusiasmo del pubblico. In ottobre Fabrizio ha partecipato al Santiago Jazz festival con Antonello Salis, rappresentando l’Italia.

Il 22 novembre è uscito per la Abeat la nuova fatica discografica: “Face to Face”, in duo con il grande fisarmonicista Luciano Biondini.

Nel Febbraio 2013 ha partecipato al Festival di Sanremo nuovamente al fianco di Raphael Gualazzi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Giro D’Italia la voce dei protagonisti

  Giro D'Italia come riportano i canali ufficiali parlano Georg Steinhauser e Tadej Pogacar Il vincitore di tappa Georg Steinhauser ha dichiarato in conferenza stampa: "E'...

Ennesima aggressione a carico di un’infermiera nel casertano

Continuano le aggressioni nei confronti del personale sanitario, questa volta nel casertano. La vittima è un'infermiera che è stata aggredita di un parente di uno dei pazienti.

San Giorgio a Cremano, morta 41enne. Stava accendendo il barbecue. Troppo gravi le ustioni

La donna era ricoverata da mercoledì scorso al Cardarelli di Napoli con ustioni di secondo e terzo grado su tutto il corpo. La tragedia è avvenuta a San Giorgio a Cremano in un'abitazione di Via Manzoni

Fedez, preoccupanti le condizioni di salute del rapper

Fedez ha annullato la sua partecipazione al programma di Cattelan. Le condizioni di salute del rapper sembrano essersi aggravate

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA