Roma vs Real Madrid. La Roma che non t’aspetti esce sconfitta, ma tra gli applausi del suo pubblico, oramai riconquistato. Ecco le parole di Spalletti, Nainggolan e Florenzi

Roma vs Real Madrid 0-2

Il risultato finale è bugiardo. Il divario tecnico e fisico esiste, come l’esperienza, ma la Roma vista col Real lascia ben sperare per il futuro. Il lavoro di Spalletti, soprattutto sulla testa dei calciatori, inizia a dare i frutti in campo. I giallorossi non hanno avuto paura di affrontare i campioni madrileni e solo la sfortuna ed alcune svista arbitrali (o quanto meno decisioni dubbie) non hanno consentito il vantaggio o il pareggio. Su tutti ricordiamo il mancato rigore al minuto 80 per atterramento di Florenzi da parte di Carvajal, ma che il direttore di gara, il ceco Pavel Kralovec, non ha ritenuto tale. A questo si aggiungono un paio di situazioni interessanti per Stephan El Shaarawy fermato in extremis da Keylor Navas ed un tiro dalla distanza finito di poco al lato di Vainqueur.

La partita è stata poi sbloccata con un eurogol manco a dirlo di Cristiano Ronaldo (tacco a rientrare da sinistra verso il centro e bolide all’incrocio dei pali opposto, con leggera deviazione di capitan Florenzi) e chiusa da un bel diagonale di Jesè.

 

Sono tutti soddisfatti al termine della gara. Così attraverso il sito ufficiale della società di esprime Luciano Spalletti, Radja Nainggolan e Alessandro Florenzi.

Luciano Spalletti

Stasera ai miei giocatori ho detto che siamo stati bravi e sfortunati

Il pubblico della Roma è abituato a vedere grandi calciatori e grandi partite, sa quindi scegliere bene quando fischiare o applaudire. Se si è comportato così è perché ha visto lo sforzo dei ragazzi e ha capito che non siamo stati fortunati nei meriti ricevuti dalla gara.

Radja Nainggolan

Abbiamo provato a giocare, sbagliando però sempre l’ultima scelta. Abbiamo giocato bene, in maniera aperta. Possiamo davvero essere soddisfatti della prestazione.

Alessandro Florenzi

Secondo me abbiamo fatto una delle migliori partite della stagione, contro un top team che alla fine lotterà con altre due o tre squadre per vincere la Champions League.

Alle volte forse in questi casi ci vuole un po’ di fortuna e un po’ di buon senso: mi riferisco al rigore per noi, che ci stava

Alla fine i tifosi ci hanno applaudito e vuol dire che hanno visto una buona Roma, fino al 95’. Questa è la strada giusta

Print Friendly

A proposito dell'autore

Foto del profilo di Nicola D'Auria
direttore editoriale

Sono un appassionato della comunicazione e la seguo come il calcio.

Scrivi