Inter-Shakhtar Donetsk 0-0, le pagelle del fallimento della squadra di Conte

PUBBLICITA

Inter-Shakhtar Donetsk 0-0 le pagelle: insufficienze per un’Inter lenta e prevedibile, disastro di Conte che ripete gli errori dell’andata.

L’Inter non va oltre lo 0-0 contro lo Shakhtar Donetsk chiudendo il girone di Champions League all’ultimo posto.

INTER-SHAKHTAR DONETSK 0-0 LE PAGELLE

HANDANOVIC 6: è reattivo le poche volte che viene chiamato in causa.

SKRINIAR 6: roccioso come sempre nelle chiusure difensive, il suo l’ha fatto. 

DE VIRJ 6: lo Shakhtar gioca praticamente senza attaccanti così lui deve pensare solo ad impostare. 

BASTONI 6: come De Vrij ha poco da difendere e quindi si può concentrare su altre cose. Realizza qualche buon cross non sfruttato dagli attaccanti. (Dall’85’ D’AMBROSIO s. v.). 

HAKIMI 5,5: corre tanto, è protagonista di tanti scatti, difende e riparte. In fase offensiva cerca di ripetere i movimenti che hanno fatto tanto male al Bologna, ma che questa sera non funzionano. (Dall’85’ DARMIAN s. v.). 

BARELLA 6: meno pimpante del solito, forse a causa dell’infortunio. Fa partire un bel cross per Lautaro e scambia spesso posizione con Hakimi.

BROZOVIC 5,5: si sdoppia, interdizione e giocate di qualità. Bene nel primo tempo, cala vistosamente nella ripresa.

GAGLIARDINI 5,5: spreca un paio di occasioni neanche tanto nitide calciando molto male. (Dal 76’ ALEXIS SANCHEZ 6: prova senza successo a segnare il goal qualificazione con 2 colpi di testa).

ASHLEY YOUNG 5: non punta mai l’avversario e sbaglia molti cross. Perde un pallone sanguinoso ad inizio ripresa che per sua fortuna viene disinnescato da Handanovic. (Dal 69’ PERISIC 5,5: non incide e sbaglia tutti i cross realizzati). 

LUKAKU 5: realizza un bel colpo di testa ad inizio ripresa che costringe Trubin al miracolo e veramente poco altro. tiene pochi palloni e dialoga raramente con i compagni. Assente ingiustificato.

LAUTARO MARTINEZ 5: sfortunato in avvio quando colpisce la traversa, molto impreciso nelle successive conclusioni. (Dall’85’ ERIKSEN 6: anche in pochissimi minuti riesce a fornire assist non sfruttati dai compagni, cerca anche il goal ma Trubin glielo nega). 

CONTE 2: predica spesso calma, anche sul finire di gara, ed effettua cambi estremamente tardivi. I suoi sono lenti e prevedibili, è diabolico nel ripetere gli stessi errori della gara di andata, su tutti il mantenere 3 difensori contro una squadra che gioca senza attaccanti. Sembra non esistere un piano B: i suoi calciatori ripetono all’infinito sempre gli stessi schemi che ormai gli allenatori avversari sanno come disinnescare. I suoi insuccessi in campo europeo incominciano ad essere tanti per essere considerati casualità. Il calcio è estro, tecnica, fantasia, tutte cose che sembrano non essere previste dalla sua idea di calcio. 

 

(Fonte immagine in evidenza: pagina Facebook F. C. Internazionale)

PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Polisportiva Vico Equense vincono le ragazze

Polisportiva Vico Equense come riporta una nota ufficiale della società la vittoria delle ragazze Continua la scia di vittorie per le ragazze della seconda divisione...

Caivano, rito immediato per i sette minori accusati di stupro

Per gli stupri avvenuti a Caivano ai danni di due cuginette di 10 e 12 anni si aspetta l'udienza del 28 marzo.

Dani Alves, arriva la condanna a quattro anni e sei mesi per violenza sessuale

Dani Alves condannato per violenza sessuale È arrivato il verdetto per Dani Alves, ex calciatore della Juventus e del Barcellona. Condanna a quattro anni e...

Napoli, investita sulle strisce una 12enne, le sue condizioni

Ancora un pedone investito mentre attraversa sulle strisce pedonali a Napoli Nel pomeriggio di ieri, un incidente ha suscitato apprensione a Napoli a Corso Vittorio...

Ultime Notizie

PUBBLICITA