Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Inter-Shakhtar Donetsk 0-0 le pagelle: insufficienze per un’Inter lenta e prevedibile, disastro di Conte che ripete gli errori dell’andata.

L’Inter non va oltre lo 0-0 contro lo Shakhtar Donetsk chiudendo il girone di Champions League all’ultimo posto.

INTER-SHAKHTAR DONETSK 0-0 LE PAGELLE

HANDANOVIC 6: è reattivo le poche volte che viene chiamato in causa.

SKRINIAR 6: roccioso come sempre nelle chiusure difensive, il suo l’ha fatto. 

DE VIRJ 6: lo Shakhtar gioca praticamente senza attaccanti così lui deve pensare solo ad impostare. 

BASTONI 6: come De Vrij ha poco da difendere e quindi si può concentrare su altre cose. Realizza qualche buon cross non sfruttato dagli attaccanti. (Dall’85’ D’AMBROSIO s. v.). 

HAKIMI 5,5: corre tanto, è protagonista di tanti scatti, difende e riparte. In fase offensiva cerca di ripetere i movimenti che hanno fatto tanto male al Bologna, ma che questa sera non funzionano. (Dall’85’ DARMIAN s. v.). 

BARELLA 6: meno pimpante del solito, forse a causa dell’infortunio. Fa partire un bel cross per Lautaro e scambia spesso posizione con Hakimi.

BROZOVIC 5,5: si sdoppia, interdizione e giocate di qualità. Bene nel primo tempo, cala vistosamente nella ripresa.

GAGLIARDINI 5,5: spreca un paio di occasioni neanche tanto nitide calciando molto male. (Dal 76’ ALEXIS SANCHEZ 6: prova senza successo a segnare il goal qualificazione con 2 colpi di testa).

ASHLEY YOUNG 5: non punta mai l’avversario e sbaglia molti cross. Perde un pallone sanguinoso ad inizio ripresa che per sua fortuna viene disinnescato da Handanovic. (Dal 69’ PERISIC 5,5: non incide e sbaglia tutti i cross realizzati). 

LUKAKU 5: realizza un bel colpo di testa ad inizio ripresa che costringe Trubin al miracolo e veramente poco altro. tiene pochi palloni e dialoga raramente con i compagni. Assente ingiustificato.

LAUTARO MARTINEZ 5: sfortunato in avvio quando colpisce la traversa, molto impreciso nelle successive conclusioni. (Dall’85’ ERIKSEN 6: anche in pochissimi minuti riesce a fornire assist non sfruttati dai compagni, cerca anche il goal ma Trubin glielo nega). 

CONTE 2: predica spesso calma, anche sul finire di gara, ed effettua cambi estremamente tardivi. I suoi sono lenti e prevedibili, è diabolico nel ripetere gli stessi errori della gara di andata, su tutti il mantenere 3 difensori contro una squadra che gioca senza attaccanti. Sembra non esistere un piano B: i suoi calciatori ripetono all’infinito sempre gli stessi schemi che ormai gli allenatori avversari sanno come disinnescare. I suoi insuccessi in campo europeo incominciano ad essere tanti per essere considerati casualità. Il calcio è estro, tecnica, fantasia, tutte cose che sembrano non essere previste dalla sua idea di calcio. 

 

(Fonte immagine in evidenza: pagina Facebook F. C. Internazionale)

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x