Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

La Sampdoria torna alla vittoria contro l’Udinese. Tre punti fondamentali per gli uomini di mister Ranieri, arrivati al termine di una partita dai due volti che sembrava compromessa fino alla fine del primo tempo, ma che poi ha cambiato inerzia colorandosi decisamente di blucerchiato.

Sampdoria-Udinese: primo tempo

Sampdoria con il lutto al braccio per ricordare Ermanno Cristin, detto “bisontino”,  uno degli eroi della storia doriana tra gli anni ’60 e ’70, deceduto, a 74 anni, qualche giorno fa; per lui anche molti striscioni commoventi dei tifosi.

Sampdoria in campo con il 4-4-2 con la particolarità di un centrocampo in cui Ramìrez viene schierato da esterno a destra, con licenza di accentrarsi e sfruttare il suo sinistro. Per il resto, tutto come previsto, con Depaoli a spingere a destra e Murru e Jankto a sinistra. L’Udinese si schiera con il 3-5-2, con Jajalo davanti alla difesa e Nestorovski e Lasagna in avanti.

Pronti via, e gli ospiti vanno subito in gol: realizza l’ex palermitano Nestorovski, su cross di De Maio ma la sua posizione, colta dal VAR, è di leggero fuorigioco (2′). L’Udinese comunque prende in mano il pallino e la Sampdoria è attendista anche se quando si porta in avanti mostra di poter creare pericoli alla porta friulana. Così accade al 12′, quando Murru azzecca un perfetto traversone in area, stacco imperioso di Ramìrez che di testa colpisce in pieno il palo. Poco dopo, su corner svetta Ferrari e il pallone giunge sui piedi di Gabbiadini, quasi sorprendendolo tanto che l’attaccante non ha il tempo di aggiustare la mira da due passi (20′). Poi è Jankto a impegnare Musso; sulla respinta del portiere ci prova Quagliarella in rovesciata ma il pallone finisce sull’esterno della rete (24‘). Ma proprio quando sembra che la Sampdoria sia nel suo momento migliore, arriva il vantaggio udinese: ci pensa Nestorovski con un bel tiro dal limite, leggermente deviato, che beffa Audero alla sua destra (29‘).

Partita in salita e altre due tegole per Ranieri perché prima si fa male Depaoli (sostituito da Thorsby al 38′) e poi stessa sorte ha Bertolacci (infortunio muscolare, sostituito da Linetty al 44′).  La partita è ancora recuperabile ma ci vuole un episodio favorevole, magari il pareggio prima della fine del primo tempo. Così accade, grazie a una punizione dai 20 metri, che Gabbiadini si procura nel recupero e che calcia magistralmente con un sinistro da fermo (il suo marchio di fabbrica) che si insacca violentemente sotto l’incrocio dei pali alla sinistra del portiere. Curiosità statistica: si tratta del primo gol segnato dalla Sampdoria in questo campionato nel corso del primo tempo di una partita. Subito dopo si va al riposo.

Sampdoria-Udinese: secondo tempo

Si riprende e c’è tutto il tempo per giocarsela. I padroni di casa sembrano averlo capito ed entrano in campo molto più determinati. Cambia anche il modulo, perché Ramìrez viene spostato nella posizione di trequartista alle spalle delle punte. E arriva anche il secondo episodio favorevole: Jajalo commette uno stupido fallo da dietro sullo stesso Ramìrez e si becca il secondo giallo (6′).  Gotti è così costretto a togliere Nestorovski per compattare le fila; al suo posto entra Ter Avest (8′). La partita è quindi completamente in mano blucerchiata: c’è il tempo per provare a vincerla. E tuttavia gli attacchi doriani sono abbastanza compassati, sebbene le occasioni vi siano: ci provano Linetty (8′), Gabbiadini (9′) e Ramirez, oggi particolarmente ispirato, direttamente da calcio d’angolo (15′). L’Udinese si chiude sempre di più ma ogni tanto tenta qualche sortita offensiva come al 22′ quando Lasagna impegna Audero.

Ma bisogna trovare lo spiraglio giusto e ciò accade grazie a una incursione di Ekdal che mette al centro rasoterra verso Quagliarella; il capitano anticipa il suo marcatore, Troost-Ekong,  che lo colpisce in pieno sulla caviglia. Rigore netto che però, in un primo momento, Pairetto non vede, forse impallato da qualche giocatore. Ci pensa il VAR  a mettere a posto le cose. Sul dischetto va Ramìrez che non lascia scampo a Musso (30′). Quagliarella deve uscire poco dopo per la botta ricevuta, sostituito da Caprari (33′). Ora bisogna stringere i denti e portarla a casa. L’Udinese però ha un ultimo sussulto con Pussetto che impegna Audero da lontano. Il portiere se la cava in due tempi. Si tratta dell’ultimo brivido di paura perché poi nel recupero Gabbiadini prova a fare il bis su punizione ma stavolta Musso si allunga alla sua sinistra e ci arriva. Finisce così, nel tripudio blucerchiato.

Sampdoria: la vittoria che serviva

Vittoria meritata per una squadra che finalmente comincia a giocare in fiducia. Certo, il gioco deve ancora migliorare ma ciò che conta adesso è far punti in attesa dei rinforzi.L’obiettivo immediato era, ed è, quello di togliersi dalle sabbie mobili.

Il Tabellino

Sampdoria 2  Udinese       1

Sampdoria (4-4-2): Audero; Depaoli (38′ s.t. Thorsby), Ferrari, Colley, Murru; Ramírez, Ekdal, Bertolacci (44′ p.t. Linetty), Jankto; Gabbiadini, Quagliarella (33′ s.t. Caprari).
A disposizione: Falcone, Augello, Vieira, Chabot, Rigoni, Regini, Maroni, Murillo, Léris.
Allenatore: Ranieri.

Udinese (3-5-2): Musso; De Maio (44′ s.t. Teodorczyk), Troost-Ekong, Nuytinck; Opoku (33′ s.t. Pussetto), Mandragora, Jajalo, De Paul, Stryger-Larsen; Lasagna, Nestorovski (8′ s.t. Ter Avest).
A disposizione: Perisan, Nicolas, Sierralta, Samir, Fofana, Walace, Kubala, Ballarini, Barak.
Allenatore: Gotti.
Arbitro: Pairetto di Nichelino.
Assistenti
: Alassio di Imperia e Valeriani di Ravenna.
Quarto ufficiale
: Marinelli di Tivoli.
VAR
: Guida di Torre Annunziata.
AVAR
: Di Vuole di Castellammare di Stabia.

Reti: p.t. 29′ Nestorovski, 51′ Gabbiadini; s.t. 30′ Ramírez rig.

Note: espulso al 6′ s.t. Jajalo per gioco scorretto; ammoniti al 39′ p.t. Jajalo, al 41′ p.t. Nestorovski per gioco scorretto, al 43′ s.t. Jankto per comportamento non regolamentare; recupero 5′ p.t. e 4′ s.t.; abbonati 17.031 (rateo 177.402 euro); terreno di gioco in buone condizioni.

(Fonte dati: https://www.sampdoria.it/)

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi