Anguissa e Kvaratskhelia affossano il Torino – 3 a 1 al Maradona

PUBBLICITA

Sei minuti. Tanto basta Al Napoli per rompere il ghiaccio di una partita oggettivamente difficile. L’anno scorso solo un gol di Osimhen a pochi minuti dalla fine consentì al Napoli di ottenere i tre punti. Un Torino che, tuttavia, non ci sta a fare lo sparring partner. Nonostante il tre a zero reagisce e, alla fine, cede ma rimane a testa alta.

Al sesto minuto combinazione Kvaratskhelia – Mario Rui. Il portoghese arriva sul fondo e crossa in mezzo all’area. Anguissa si inserisce perfettamente in mezzo all’area e colpisce di testa battendo Milinkovic-Savic sul secondo palo.

http://gty.im/1429359165

Passano altri sei minuti e il Napoli raddoppia, sempre con il centrocampista camerunense. Politano lancia per il numero 99 del Napoli, che sgroppa per più di sessanta metri. La difesa del Torino non chiude e, arrivato davanti a Milinkovic-Savic, tira e raddoppia.

http://gty.im/1429350955

Il Napoli, a questo punto, gioca sul velluto. Il Torino è stordito e si vede. I partenopei sciorinano calcio. Ma non perdono la concentrazione. Tanto che al 37′ arriva il terzo gol. Splendida palla di prima in verticale di Zielinski per Kvaratskheia. Il georgiano scappa a Lukic sulla fascia, entra in area e batte Milinkovic-Savic con un sinistro a incrociare che prima bacia il secondo palo e poi finisce in rete.

http://gty.im/1429367079

Partita chiusa? No. Perché la squadra di Juric alza la testa e decide di darsi una scossa. E ci riesce benissimo. Lazaro crossa in area, Mario Rui liscia il pallone, Singo tenta una sforbiciata ma si limita a sbucciare la sfera. che però si accomoda perfettamente sul piede di Sanabria che accorcia.

http://gty.im/1243638766

All’ultima azione del primo tempo per poco il Torino non fa tre a due. Cross dalla sinistra di Vlasic e sempre Sanabria, di testa, sfiora il palo con Meret battuto.

Nel secondo tempo i padroni di casa vogliono addormentare la partita, mentre gli ospiti pressano a palla. Ma, in fondo, ci sono da segnalare solo tre cose (a parti i cambi): l’espulsione di Juric che esplode, letteralmente, per un fallo inesistente (tra l’altro fuori area) e si fa espellere, la gran parata all’84 di Meret su Radonic e, al 90, altro miracolo stavolta di Milinkovic-Savic su Lozano.

Tre punti fondamentali per il campionato per il Napoli che, in attesa di Atalanta, è in testa alla classifica

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Back to Black un pezzo di vita di Amy Winehouse

  Back to Black primi anni della carriera di Amy Winehouse fino al successo ottenuto con i singoli Rehab e Back to Black. Amy Winehouse il...

Juve Stabia il programma delle vespette per il fine settimana

  Juve Stabia le vespette in campo, la primavera a Pesaro. Il dettaglio: Settore Giovanile, il programma gare del fine settimana Il programma gare del fine settimana...

Juve Stabia vespe premiate a Palazzo Farnese

La Juve Stabia è stata premiata a Palazzo Farnese A Palazzo Farnese, sede del Comune di Castellammare di Stabia, si è svolto l'incontro della S.S....

9Artè e Plastic Free insieme per la Giornata mondiale della Terra

L’arte come mezzo concreto per sensibilizzare: il progetto "Terra è Arte" di 9Artè in collaborazione con il Comune di Gragnano e Plastic Free

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA