“How are you?” di Stanislav Konoplov premiato al Pompei Street Festival 

La terza edizione del Pompei Street Festival, giunta al giro di boa, ha dato inizio ai grandi concerti in Piazza Schettini ed é passata alle premiazioni degli artisti intervenuti da ogni parte del mondo e dei protagonisti della sezione cinema curata da Egidio Carbone Lucifero. 

“How are you?” di Stanislav Konoplov premiato al Pompei Street Festival

Un riconoscimento speciale é stato assegnato al regista, produttore, attore e scrittore ucraino Stanislav Konoplov che ha presentato il cortometraggio “How are you?” prodotto da Klimax Pictures.

Premio migliore cinema d’impegno per il cortometraggio girato a Pompei presso la sede di Sharing Art di Luca Varone che chiude una trilogia intitolata “Presenza amara”, in cui i due precedenti lavori raccontano storie sulla solitudine.

Il progetto filmico è ambientato in una stanza, nel febbraio del 2022, in rappresentanza del primo giorno della guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina.

Al centro della storia un giovane ucraino, che si ritrova ad affrontare i primi giorni di guerra, in un appartamento che diventa una città sicura in Europa.

Il corto si divide in cinque atti, come le cinque sensazioni che hanno vissuto gli ucraini nel primo giorno dell’invasione russa.

L’idea è quella di mostrare il mondo interiore di ogni ucraino che combatte, prima di tutto con se stesso, cercando di salvare la propria salute psicologica, facendo emergere il bambino presente in ogni adulto, mettendo in luce sentimenti come l’amore e l’amicizia.

«All’inizio della guerra pensavo che saremmo rimasti soli, ma grazie ad amici come quelli in Italia, abbiamo avuto l’opportunità di girare film liberamente, di parlare di quello che accade in Ucraina. Avere avuto la possibilità di girare in Italia, per me ha un significato molto importante, poiché significa che il mondo sostiene l’Ucraina, che non siamo soli. Credo che questo progetto sia utile per far capire alle persone di tutto il mondo il caos in cui si è ritrovato il popolo ucraino nel primo giorno della guerra Russo-Ucraina, il dolore, l’ansia, la confusione che ogni ucraino aveva dentro, ma anche la responsabilità e il coraggio» –  ha detto Stanislav Konoplov che ha ritirato il premio portando con sé una bandiera dell’Ucraina contrassegnata dalle firme di tanti volontari che durante i durissimi giorni di guerra, con il loro operato, hanno mostrato la loro generosità ed il loro coraggio.

«Sharing Art – ha commentato Luca Varone direttore artistico della Klimax Picture e dello Sharing Art – è nata per dare solidarietà alle Arti e alla Cultura in un momento storico molto critico. Abbiamo costruito una Residenza Artistica da zero riciclando le materie prime come il legno, la pietra lavica e la yuta, ma soprattutto utilizzando le materie prime intese come l’amore, la passione, la perseveranza, il duro lavoro e la solidarietà. Pertanto l’estate scorsa arrivati alla nostra terza stagione e avendo offerto ad oltre 150 artisti vitto e alloggio gratuito, ci siamo sentiti in obbligo di far sentire il nostro supporto in qualche modo anche a l’Ucraina. Abbiamo ospitato gratuitamente un gruppo di 10 cineasti presso Sharing Art, dando loro anche l’opportunità di produrre un loro lavoro grazie alla Klimax Pictures, “l’ala cinematografica del nostro gruppo di lavoro, che include, la compagnia Klimax Theatre Company, la Residenza Artistica Sharing Art e infine la produzione cinematografica Klimax Pictures”. Sono felice di aver conosciuto Stanislav Konoplov e tutto il suo gruppo di lavoro e sono felice che questi ragazzi,  grazie al nostro supporto, abbiano potuto continuare a credere nella loro arte».

Guarda il trailer di “How are you?”

How are you? è in concorso al Kyiv International Film Festival Molodist, alla Mostra Internazionale del Cinema di Bracciano, al Ceprano Film Festival, al Social World Film Festival, al Giffoni Film Festival e nella sezione Orizzonti della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

L’avventuriero novellino di Ossan… – L’angolo del nerd e dell’Otaku

Rick Gladiator è deciso a diventare un avventuriero, cosi quel che sosti. Per questo si è allenato intensamente per due anni. Ma Rick ha un problema: ha trentadue anni. Questo rende scettiche le persona intorno a lui. Questo perché il potere magico, alla base anche della forza fisica, man mano che si avanza di età è sempre più difficile da incrementare. Ed infatti viene spesso deriso e sottovalutato per questo. Tuttavia Rick ha un segreto: nei suoi due anni di allenamento è stato seguito dal team più forte dell'intero continente, Orichalcon Fist, composto da avventurieri di classe S, tutti in grado di spazzare via intere armate. 

Salvatore Marra sposa una nuova avventura

Salvatore Marra ex calciatore della Juve Stabia con un vissuto importante anche da allenatore trova una nuova panchina. La nota ufficiale della società Salvatore Marra nuovo...

Angri calcio importanti novità

Angri calcio la società ha reso noto delle importanti riconferme per la prossima stagione. Il comunicato stampa ufficiale della società 𝗔𝗡𝗖𝗢𝗥𝗔 𝗖𝗢𝗡 𝗡𝗢𝗜! 𝗥𝗜𝗖𝗢𝗡𝗙𝗘𝗥𝗠𝗔 𝗣𝗘𝗥 𝗞𝗟𝗝𝗔𝗝𝗜𝗖,...

Savoia ancora un colpo di mercato

Savoia arriva un nuovo calciatore.  La società di Torre Annunziata sempre molto attiva in materia di calciomercato. La nota ufficiale Ancora un rinforzo nel pacchetto under,...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA