Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Rivo San Pietro al collasso, il dissesto idrogeologico è un pericolo sempre maggiore per Castellammare di Stabia. I rivi devono essere ripuliti e velocemente.

Ecco il comunicato di Tonino Scala e Laura Della Monica

Castellammare. Il dissesto idrogeologico rappresenta un pericolo vero.
Foce Rivo san Pietro quasi occlusa.

Il ripetersi dei fenomeni di interramento della zona Portuale prospiciente il Montil, per effetto del cattivo stato in cui versano i rivi, confermano i problemi e i pericoli  che incombono sulla città e sul centro antico in particolare. Le ultime piogge hanno quasi occluso il rivo che si trova di fronte al circolo velico, il cd rivo San Pietro.

Se non si interviene ad horas si rischia, in caso di forti piogge, con i numerosi detriti che provengono dal Faito, di creare il cd effetto tappo che sarebbe deleterio per tutto il centro storico.

La città ha già vissuto drammi che è bene ricordare per non commettere gli stessi errori.
Lo stato della montagna, per effetto di anni di abbandono, con questi fenomeni evidenzia la necessità d’interventi non più rinviabili.
Castellammare per i colpevoli ritardi della Regione e di che ha governato la città negli ultimi anni, non ha saputo utilizzare risorse disponibili, seppur insufficienti, per 10 milioni di euro.
Oltre 5 anni di palleggiamento delle responsabilità: il nostro Comune ha mostrato limiti, insufficienze gravi, serie, basti dire che non è riuscito a programmare gli interventi e ha rinviato indietro i finanziamenti; la Regione, per le scelte fatte, ha accresciuto ritardi e incertezze circa i tempi occorrenti per sbloccare le procedure.
L’ inverno è alle porte e con esso aumentano i rischi; anche per queste ragioni chiediamo, dopo gli annunci fatti nei mesi e negli anni precedenti, se è possibile sapere con certezza come stanno le cose.
Sindaco lei lo sa? Sta facendo qualcosa?
Dall’esterno, ed è grave che un consigliere comunale debba denunciare questa condizione, abbiamo l’impressione che lei si stia impantanando, che ha paura del confronto in Consiglio Comunale e nelle commissioni.

È lì che avviene il confronto e si provano a trovare le soluzioni, ma ad oggi su questo,come su altri temi, c’è disinteresse. Mi auguro che il Presidente del Consiglio Comunale, si attivi per far partire le commissioni consiliari e per far sì che le discussioni avvengano nelle sedi competenti.
Sul dissesto idrogeologico, sui pericoli esistenti non si può scherzare, le chiediamo di convocare subito una conferenza dei capigruppo. Nelle prossime settimane si firmerà accordo sui dieci miliardi ma la cifra non è sufficiente e serve uno sforzo da parte di tutti onde evitare il ripetersi di tragedie che Castellammare ha già vissuto.
Noi nei prossimi giorni organizzeremo un sopralluogo per documentare le condizioni precarie esistenti e informeremo la Procura di Torre Ann.ta.

Tonino Scala
Consigliere comunale Leu

Laura Della Monica
Coordinamento cittadino LeU

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi