Il candore della candeggina. Ad Acerra fedeli benedetti con la candeggina

Sembrerebbe una pagina di Mala Fede, l’ultimo romanzo di Giovanni Taranto edito da Avagliano; invece é tutto vero. Ad Acerra fedeli benedetti con la candeggina

Quanto é accaduto al Duomo di Acerra durante la celebrazione della messa delle 18 di sabato scorso é un fatto allarmante.

Alcuni fedeli nel ricevere la benedizione da parte del parroco sono stati, infatti, attinti da candeggina e non da acquasanta.

Come sia possibile che la candeggina sia finita nell’aspersorio del parroco, questo resta un grande mistero.

I  parrocchiani raccontano di aver iniziato a sentire un forte odore di candeggina e di essersi trovati con gli abiti macchiati.

Mortificato il parroco per quanto accaduto. Un fatto assolutamente inspiegabile sul quale ora necessita fare chiarezza.

(Foto di repertorio)

 


PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Giro D’Italia il sorriso di Julian Alaphilippe

Giro D'Italia la vittoria di Julian Alaphilippe,Tadej Pogacar sempre maglia rosa Julian Alaphilippe (Soudal Quick-Step) ha vinto la dodicesima tappa del Giro d'Italia 107, la...

Giro D’Italia parlano Olav Kooij e Tadej Pogacar

Giro D'Italia come riportano i canali ufficiali della corsa rosa parlano due protagonisti della tappa di ieri con l'arrivo a Napoli   Il vincitore di tappa...

Juve Stabia la prevendita per la trasferta di Cesena

  Juve Stabia, l'ultimo ballo della stagione 2023-2024 della squadra di Guido Pagliuca Supercoppa Serie C, Cesena-Juve Stabia, biglietti in vendita Si comunica che a partire dalle...

Detti napoletani: Jennere e nepute, chelle ca fai è tutto perduto

Risuona una grande amarezza nel detto napoletano "Jennere e nepute, chelle ca fai è tutto perduto" (Tutto ciò che si fa per generi e nipoti è tutto perduto), ma anche una grande saggezza.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA