Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

L’amore per la danza e giovani talenti, un connubio perfetto per un evento che da anni sta avendo successo a Salerno. Si è conclusa la V edizione dell’evento coreutico ad impronta nazionale “I LOVE DANCE.. la danza è in scena!” che si è svolto nella giornata di ieri presso il Teatro Augusteo.

Il concorso, dedicato ai diversi linguaggi della danza, è stato ideato ed organizzato dall’associazione Live nelle persone della Presidente Luisa Villani e del direttore artistico Carmine Landi.

Con il patrocinio del Comune di Salerno, nella figura dell’Assessore alla Cultura e Università, Ermanno Guerra, “I LOVE DANCE.. la danza è in scena!” ha permesso ai danzatori partecipanti, più di 800 e provenienti da tutta Italia, di mostrare il proprio talento esibendosi dinanzi ad una giuria d’eccezione: Luciana Savignano, étoile di fama internazionale; Bill Goodson, ballerino e coreografo televisivo; Mauro Astolfi, autore contemporaneo rappresentativo sulla scena europea; Shake dei Modulo Project, ballerino di numerosi artisti della musica nazionale ed internazionale e coreografo e co-fondatore del Modulo Project, la realtà più forte nel panorama italiano della danza.

Per l’edizione 2016, sono stati tanti i premi, dal valore di euro 15.000, assegnati ai ballerini più talentuosi, come borse di studio per prestigiose accademie ed eventi nazionali di danza, coppe, medaglie ed attestati di partecipazione.

Consegnato al coreografo Daniele Sibilli, della scuola di danza “Giselle” di Caserta, il Trofeo I LOVE DANCE per la perfomance “Strange Creature” interpretata dalla ballerina Chiara Gionti. Il Trofeo ha permesso al maestro vincitore di divenire di diritto insegnante ospite della prossima edizione dell’evento coreutico, che si terrà a Salerno dal 18 al 24 luglio prossimi, “Salerno Danza d’aMare”, kermesse internazionale che propone a tutti gli iscritti lezioni di danza, stage e laboratori, .

Novità di quest’anno il premio “TOP CHOREOGRAPHER” assegnato ai coreografi, delle cinque categorie partecipanti, che hanno ottenuto il punteggio più alto nelle perfomance presentate in concorso: Daniele Sibilli della scuola Giselle di Caserta per la coreografia “Stange Creature”; Michele Sarcina dell’Asd Mary J Style di Manfredonia per “Stargangomiez”; Francesco Rapicano di Laborart di Gragnano per “Pierrot”; Martina Caserta  di Passione Danza & Gym di Lacco Ameno per “Mix”; Mariarosaria Iovine della Fit Dance di Ercolano per “Contatto Parallelo”.

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo

A proposito dell'autore

Un pizzico di arte, una soffiata di teatro, colori di moda e un bicchiere di vino. Ingredienti giusti per garantire affidabilità e passione di Clemente Donadio. Un giornalista che segue le riga di Oscar Wilde e si fa trasportare dal senso estetico di Gabriele D’Annunzio. Un amante delle camicie di Armani e delle passerelle della moda. Giornalista della propria città, si affaccia al mondo della moda con passione e audacia, cercando nel particolare la grande bellezza e lo stile raffinato. Intraprendente critico, è alla continua ricerca di forma estetica anche nel mondo della fotografia e tra il sipario di un teatro. Il tutto si può riassumere in un aforisma di Wilde: “Si dovrebbe essere un’opera d'arte, o indossare un'opera d'arte”.

Post correlati

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x