Fausto Mesolella al Sancarluccio Unplugged festival

Sancarluccio Unplugged festival-musica a nudo, mercoledì 23 dicembre ha visto sul palco un ospite d’eccezione, Fausto Mesolella in “Le parole suonate”.

Luogo deputato è il Nuovo teatro Sancarluccio di Napoli dove il Sancarluccio Unplugged festival-musica a nudo con la direzione artistica di Jennà Romano, vuole essere un appuntamento seriale che propone musica acustica suonata dal vivo e col solo ausilio di apparecchi atti ad amplificare gli strumenti musicali, senza modificarne le caratteristiche del suono naturale.

Al suo secondo appuntamento questo festival, ha presentato Fausto Mesolella e il suo one man show di due ore no stop dal titolo “Le parole suonate”.

Lunga e corposa è la sua carriera, d ’altronde chi vanta oltre cinquant ’anni di musica, va da se che propone un concerto fatto di tante variabili, dall’ esecuzione di testi musicati da lui, a collaborazioni, a brani universalmente conosciuti.

Chitarrista, compositore, arrangiatore, cantante; quest’ultima la più recente evoluzione. Canta testi che ha musicato,o meglio  poesie, opere preziose dello scrittore Stefano Benni, racchiuse in un prezioso lavoro dal titolo “Canto Stefano”. E da oltre un anno lo porta in giro per l’Italia, alternandolo alle tante date e artisti con i quali collabora.

Pubblico attento e d’intenditori quella della serata del 23 dicembre dove in un clima natalizio ha voluto regalarsi musica quella d’autore. Le dita di Fausto Mesolella hanno giocato sulle corde dell’Insanguinata,la sua preziosa compagna, la chitarra a cui è maggiormente legato,regalando ancora una volta uno spettacolo unico.

Si presenta col suo basco nero, quasi una divisa o un amuleto verrebbe da pensare.

L’atmosfera che si crea da subito rimanda ai piccoli club, dove si ascolta musica d’autore, atmosfere d’altri tempi, e qui bisogna dire che nel Nuovo teatro Sancarluccio, trova la sua location ideale.

“..Io non voglio morir artista

Accucciato come un vecchio cane

Sotto il trono de re di danari…”

Apre con questo brano “Quello che non voglio “omaggio a Fabrizio De Andrè dall ’album “Canto Stefano”.Un testo che è il lascito musicale di qualsiasi artista. Entra ed esce da ritmi armonizzandoli e vestendoli alla Mesolella, l’ haute couture della musica, potremmo definirlo. E’ Intenso nei suoi lunghi viaggi musicali all ’interno di brani come “Libertango”, o a classici immortali del panorama partenopeo e mondiale quali “Reginella”, e poi ancora.

“..Era all ’ inizio un piccolo cuore

Che linfa e destino premeva a fiorire

Spalancò i petali ,e fu bocca e cratere

Fuggirono parole,baci ed ore…”

La delicatezza di “Tulipani” da “Canto Stefano”, e poi spiccare il volo su “Imagine ancora solo chitarra, e poi “Mary” brano della cantautrice Bianca d’Aponte, il cui festival a lei titolato, dedicato al cantautorato femminile nazionale, lo vede alla direzione artistica da ben undici anni .

“..Te ne vai con la tua solitudine, Alfonsina

Che poesie nuove andasti a cercare?..”

Canta ancora, un testo conosciutissimo nel mondo che emoziona sempre “Alfonsina y el mar”; pochi sanno che fu scritto per Alfonsina Storni, italiana del Canton Ticino emigrata con la sua famiglia  all ’età di quattro anni in Argentina. Ebbe una vita travagliata poiché ogni sua scelta non rispecchiava i canoni del tempo, ma visse con la ferma convinzione di essere indipendente. Scrittrice, giornalista, drammaturga famosa, in seguito ad un brutto male decise per il suicidio, evento che ispirò “ Alfonsina y el mar” di Ariel Ramìrez e Fèlix Luna.

Chiude con Silent Nightimmancabile brano in questi giorni di festa, ringrazia e non proferisce parola, la cosa ci incuriosisce e a fine concerto glielo chiediamo.

-Come mai è stato in silenzio sul palco, eccetto quando cantava?

FM: Ho deciso che sul palco mi esibirò sempre cosi, quale forma di protesta per aver chiuso un altro spazio alla musica. Mi i riferisco al programma musicale “Ghiaccio Bollente” condotto da Carlo Massarini su Rai5.

E’ cosa tristemente nota che sempre meno spazio e voce viene dato all’arte nel nostro Paese.

Vi ricordiamo i prossimi appuntamenti al Nuovo teatro Sancarluccio con “Sancarluccio Unplugged festival-musica a nudo” :

 30 dicembre: Patrizio Trampetti e Francesco Tancredi in “..di Brassens e altre storie”

6 gennaio :Nino Buonocore in “Live acustico”

13 gennaio: Daniele Sepe “Live acustico”.

Foto :Fiorella Passante

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Angri un nome nuovo di calciomercato

Angri arriva Mădălin Țandără il comunicato della società L’Unione Sportiva Angri 1927 comunica l’acquisto dal 1 luglio 2024 delle prestazioni sportive dell’attaccante Mădălin Țandără in...

Italia tutto in una notte

  Italia la Nazionale di Luciano Spalletti si gioca praticamente tutto contro la Croazia. Fare risultato andrebbe a garantire il passaggio al prossimo turno. Italia una...

Andrea Dossena è il nuovo allenatore della SPAL

  Andrea Dossena con un passato importante da calciatore è il nuovo allenatore della SPAL. Lo ha annunciato la società con un comunicato : S.P.A.L. comunica...

Mariano Gargiulo racconta il momento alla corte della ShedirPharma Sorrento

Mariano Gargiulo parla del momento e della prossima stagione La ShedirPharma Sorrento è una realtà consolidata che punta sulla crescita di giovani talenti. Classe 2002,...

ULTIME NOTIZIE

Italia tutto in una notte

PUBBLICITA