Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Sul Palco del teatro Augusteo di Napoli, ieri sera si sono esibiti due grandissimi artisti nazionali: Peppe Barra, in concerto con la sua orchestra, e Renzo Arbore, come ospite d’onore.

La manifestazione, splendidamente coordinata da Barbara, è stata organizzata dall’AIL (Associazione Italiana contro la Leucemia-Linfomi e Mieloma – Sezione Bruno Rotoli).

La AIL opera in tutto il territorio nazionale attraverso le sue 81 sezioni provinciali. Il suo obiettivo primario è il sostegno alla ricerca scientifica e all’attività in simbiosi con i principali Centri di Ematologia, sia universitari che ospedalieri, a favore dei malati, per migliorarne la qualità della vita ed aiutarli concretamente nella lotta che conducono in prima persona contro la malattia.

Peppe Barra e Renzo Arbore

I due artisti, scelti non a caso dalla Organizzazione, sono da sempre vicini a tutte le attività benefiche in favore ed a sostegno di ricerche contro queste terribili malattie. Basti ricordare che lo stesso Renzo Arbore è legato da anni con la sua partecipazione alla Lega del Filo D’Oro e entrambi non si sono tirati indietro neanche in quest’occasione.

Hanno ricordato ed onorato la memoria del dott. Bruno Rotoli, che in passato è stato anche un ottimo sassofonista e Renzo Arbore ha parlato di alcune occasioni in cui hanno suonato insieme.

Molto bello e toccante il video iniziale di presentazione dell’Associazione e la Sezione Bruno Rotoli e testimonianze dell’uomo e del medico che era Bruno Rotoli, musica d’eccezione di sottofondo, un brano scritto e suonato da Marco Zurzolo, “A Bruno“. Intervista e commenti da parte della splendida conduttrice Anna Trieste, che ha invitato sul palco  la figlia del dottore, Valeria Rotoli, con ringraziamenti a tutti i collaboratori e attivisti dell’Associazione.

Renzo Arbore come suo solito, da grandissimo intrattenitore, ha regalato al folto pubblico presente, tra una canzone e l’altra, storielle di vita e battute divertenti. E’ stato applauditissimo e autemtico mattatore della serata.

Alla fine della performance, Anna Trieste, definendolo un momento storico, ha fatto incontrare sul palco Peppe Barra e Renzo Arbore.

Lo show di Peppe Barra

Resta sul palco Peppe Barra, che incanta il pubblico con la sua voce e le sue interpretazioni con circa un’ora di concerto e tre cambi d’abito (tutti splendidi) e due intervalli, in cui la sua orchestra ha dato prova della grande preparazione musicale e tecnica con brani dal sapore jazzistico. Il gruppo è formato da Paolo Del Vecchio – chitarra e mandolino; Luca Urciuolo – pianoforte e fisarmonica; Ivan Lacagnina – percussioni; Sasà Pelosi – basso; Giorgio Mellone – violoncello e Alessandro Maria De Carolis – fiati.

Per Peppe Barra un concerto con brani che vanno da “Tammurriata nera” a “Piccirè” e “Il mondo dei sogni” tratti dal disco N’attimo, una canzone dell’Ottocento, rivisitata da Barra che racconta di un bacio e poi un omaggio all’amico napoletano Enzo Gragnaniello, nella versione originale di “Besame”.

Struggente l’omaggio all’indimenticato Pino Daniele con l’interpretazione magistrale di “Cammina Cammina“.

Anche una ironica e divertente interpretazione dè “Lo Shampo“ ricordando un altro suo grande amico, Giorgio Gaber. La chiusura del concerto è dedicata alla madre Concetta, che cantava “Uocchie c’arraggiunate“, un brano che Eduardo De Filippo la obbligava a farselo cantare.

Sosteniamo l’AIL, Associazione Italiana contro la Leucemia-Linfomi e Mieloma

Chiudo questo articolo lasciando con doveroso piacere i riferimenti dell’Associazione:
A.I.L. Napoli – Sezione provinciale Bruno Rotoli Viale Augusto 62, Napoli
Tel. 081-19361581 info@ailnapoli.it
url: http://www.ailnapoli.it/
fb: https://www.facebook.com/AIL-Napoli-Sezione-Bruno-Rotoli-152599151452187/

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi