Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Caserta compie una prodezza degna di un grande del calcio

Doveva essere partita vera ed e’ stato così: combattuta fino all’ultimo secondo, avvincente, emozionante.
Anche la Coppa Italia sorride alla Juve Stabia che non si lascia distrarre dai prossimi importantissimi impegni di campionato.
Al Menti arriva il Matera di Gaetano Auteri, che in campionato ha già fermato le vespe proprio su questo terreno.
Complice l’orario ed il giorno feriale, la cornice di pubblico non e’ delle migliori ed una bella tirata di orecchie alla lega non guasterebbe .
Polak ha il compito di guidare la difesa, Lepiller la fase offensiva. In porta va Pisseri, perche’ Fiory alza bandiera bianca prima della partita.
La prima a passare e’ il Matera con Giacomini, ma dopo pochi giri di lancette Lepiller si inventa un euro-goal da applausi. Gomez ed ancora il francese diventano protagonisti della gara, ma lo scatenato Giacomini si procura un rigore ( Fallo di Pisseri) che trasforma Coletti 1-2.
Minuto 42 Punizione per la Juve Stabia, Caserta dai 30 metri si trasforma in Juninho Pernambucano e fa 2-2.

 

La ripresa viaggia con il freno a mano tirato e l’unica emozione e’ il rosso al calciatore Pino del Matera ed una buona occasione capitata a Nicastro.
I Supplementari assomigliano molto ad un torneo di bocce rionale e le formazioni decidono di rinviare il discorso ai rigori.
D’ Aiello spara fuori, Bifulco si esalta su Bombagi e la serie dei rigori continua fino a quando Pisseri si mangia Turchetta e Nicastro segna il punto decisivo.
Si va ai quarti in attesa di Cosenza-Salernitana.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi