Quel Dedalo di Mitoraj e Dostoevskij

Se Fëdor Dostoevskij potesse sapere quante volte il suo nome è rimbalzato sul web e sui giornali e quante volte è stato pronunciato in TV questa settimana, forse riderebbe di noi.

“Per evitare ogni forma di polemica” – così aveva detto l’Università Bicocca di Milano nell’annunciare la sospensione del corso che lo scrittore Paolo Nori avrebbe dovuto tenere nei prossimi giorni sull’autore russo – e nel maldestro tentativo di non sollevare polemiche, di polemiche ne sono sorte e tante, ma questa è un’altra storia. Quella che, invece, vogliamo raccontarvi oggi, è una storia di bellezza, quella che Dostoevskij riteneva essere elemento indispensabile alla sopravvivenza.

Ne parliamo, come sempre, grazie ad Enzo Longobardi che questa settimana ha fatto tappa a Pompei, in Piazza Esedra, dove è possibile ammirare una delle meravigliose opere di Igor Mitoraj, esposte all’interno del Parco Archeologico di Pompei. Di seguito il racconto di Enzo Longobardi.

Quel Dedalo di Mitoraj e Dostoevskij

“Quando ci passo e ammiro quel gigante fuso col paesaggio, come plasmato dall’eruzione, o silenzioso body-guard agli scavi di Pompei, rimango sempre estasiato. E ne rifletto: se dedicassimo più tempo a noi stessi, a vedere il bello intorno, forse potremmo percepire l’intero anche nel frammento, qui rappresentato dal Dedalo di Igor Mitoraj, come se ci guidasse una misteriosa legge di armonia.”
“Diceva Fedor Dostoevskij: “L’umanità può vivere senza la scienza, senza il pane, ma senza la bellezza non potrebbe più vivere, perché non ci sarebbe più nulla da fare al mondo”. Dostoevskyij era russo, uno dei più grandi scrittori russi, forse il più grande, davvero certo che solo la bellezza, avrebbe scacciato le nostre nevrosi e salvato il mondo dalla distruzione. Bellezza come sintesi di natura, spiritualità ed arte, quella che rende tutti gli uomini tra loro necessari ed interconnessi. Non sognando i mari uguali ai monti o i deserti alle città, no! Una verità plurale, libera, tutto il contrario delle bombe, dei missili, dei morti di Kiev.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Notebook creativi 2024: le migliori scelte dell’anno

Notebook creativi 2024: le migliori scelte dell'anno in quanto a computer portatili fortemente tecnologici e in grado di sprigionare la tua creatività

In provincia di Avellino inaugurata un nuovo punto per le donne vittime di violenza

'Una Stanza tutta per sè' un nuovo spazio nella provincia di Avellino dedicato alle donne vittima di violenza.

Italia-Albania probabili formazioni

Italia la corsa per difendere la Corona, le probabili scelte dei due CT Per la prima giornata del Girone B degli Europei del 2024 si...

Inter vicino il rinnovo dell’allenatore Simone Inzaghi

Tra gli argomenti sul tavolo in casa dell'Inter c'è quello del possibile rinnovo dell'allenatore Simone Inzaghi. Infatti Tullio Tinti, agente di Simone Inzaghi, è...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA