“Niente di nuovo sul fronte occidentale”, trama e recensione

“Niente di nuovo sul fronte occidentale” – Paul Bäumer (Felix Kammerer) ha solo diciassette anni e una famiglia e un professore che gli inculcano una gran voglia di servire e difendere il proprio paese. È così che finisce volontario tra le fila dell’esercito tedesco, più precisamente nel fronte occidentale della Prima guerra mondiale. Ben presto però l’entusiasmo si trasformerà in qualcosa di molto meno esaltante, man mano che Paul vedrà morire i suoi compagni fino all’armistizio del 1918.

“Niente di nuovo sul fronte occidentale”, recensione

È la terza volta che l’omonimo romanzo di Erich Maria Remarque viene trasposto sul grande schermo, dopo i precedenti datati 1930 e 1979. L’opera scritta e diretta dal tedesco Edward Berger, con una carriera ultraventennale alle spalle in gran parte dedicata alla televisione, giunge in quest’epoca principalmente come prezioso messaggio di pace. Lo fa mostrandoci un conflitto stagnante e l’ostinata irrazionalità di chi comanda le operazioni. Tra fango e sangue a Berger interessa esplicitare la follia della guerra, senza inutili orpelli né concessioni spettacolari all’intrattenimento. Se Sam Mendes cuciva in “1917” un (finto) unico piano-sequenza d’effetto qui non c’è nessun esercizio di stile a stupire lo spettatore, che viene travolto dalla rozzezza e dal dolore del conflitto, a dimostrare che il patriottismo è in realtà soltanto uno sterile e fanatico luogo comune.

Felix Kammerer interpreta un soldato sconfitto come chiunque altro, di qualsiasi fazione faccia parte, manovrato come un burattino da chi nella stanza dei bottoni gioca senza coscienza con la vita di altri esseri umani. Dovrebbe bastare questo a smuovere le coscienze e solo su questo punta la non spettacolarità di Berger. Dall’altra parte troviamo Daniel Brühl (visto tra l’altro recentemente in “The Falcon and the Winter Soldier” che abbiamo recensito qui) che veste i panni del diplomatico Matthias Erzberger, il cui operato risultò fondamentale nella firma dell’armistizio.

Gli spunti di riflessione che emergono valevano un secolo fa per la Grande guerra e valgono oggi per il conflitto Russia-Ucraina. Per questo non c’è nessun motivo di aggiungere epicità né alcuna aura mitica ai protagonisti. Bloccati in trincea, speranzosi solo di sopravvivere quando tutto attorno a loro puzza di morte. Ogni guerra assume un andamento circolare che si ripete sempre identico e che ci rende meno umani. I campi lunghi di Berger intendono comunicarci tutto questo, accompagnati dalla fotografia grigia di James Friend e dalle note strazianti di Volker Bertelmann. Senza nessuna particolare innovazione del genere, seppur con una resa tecnica di qualità.

“Niente di nuovo sul fronte occidentale” è disponibile in streaming su Netflix a partire dal 28 ottobre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Inter vicino il rinnovo dell’allenatore Simone Inzaghi

Tra gli argomenti sul tavolo in casa dell'Inter c'è quello del possibile rinnovo dell'allenatore Simone Inzaghi. Infatti Tullio Tinti, agente di Simone Inzaghi, è...

Benevento si continua con Gaetano Auteri

  Benevento la società Sannita con una nota ufficiale ha annunciato che sarà ancora Gaetano Auteri a guidare la squadra per la stagione 2024-2025. Il...

Napoli, grande successo per Gigi D’Alessio a Piazza Plebiscito, tanti i duetti con big della musica

Grande successo per la prima serata dell'evento “Gigi - Uno come te - L’emozione continua”, con Gigi D'Alessio che ha duettato con noti artisti...

ShedirPharma Sorrento parla Fabrizio Ruggiero

  ShedirPharma Sorrento Fabrizio Ruggiero parola al Presidente Ci siamo. La stagione 2024/25 apre ufficialmente i battenti, ed il roster sorrentino riparte con ambizioni importanti, deciso...

ULTIME NOTIZIE

Ilaria Salis torna in libertà

PUBBLICITA