QUA RUN TEN A – Intervista ad Emma Linda Quaglia: “Ho voglia di “correre” ad abbracciare i miei genitori”

PUBBLICITA

Leoni in gabbia – I runner di tutto il mondo che, ora non possono uscire per allenarsi, sono come leoni in gabbia; scalpitano, fremono, sono irrequieti. Certo, a nessuno piace restare confinati dietro quattro mura, ma ai runner, l’isolamento richiesto per fronteggiare l’emergenza coronavirus, pesa sicuramente un poco in più.

Per un atleta, ammettiamolo pure, è molto più difficile restare fermo rinchiuso in casa, che correre i 100 km del Passatore.  Ed è proprio questa la più grande delle sfide a cui siamo stati chiamati tutti (atleti e non): Restare a casa e sconfiggere la diffusione del virus“.

Qua Run Ten A

QUA RUN TEN A

QUA RUN TEN A è la nuova rubrica dedicata ai runner in isolamento forzato.  Abbiamo raccolto le testimonianze di volti noti dell’atletica leggera: maratoneti, ultramaratoneti, mezzofondisti, velocisti, siepisti.

Tutti gli atleti intervistati hanno, naturalmente, manifestato il proprio disagio per l’assoluta mancanza di libertà e la carenza di adrenalina, ma nell’affrontare la condizione di isolamento abbiamo riscontrato sentimenti e filosofie diverse, pareri a volte discordanti e tipologie di allenamenti dissimili.

Emma Linda Quaglia

Intervista ad Emma Linda Quaglia

Ecco cosa ci raccontato EMMA LINDA QUAGLIA, maratoneta, mezzofondista e siepista che vanta 3 titoli italiani assoluti sui 3000 m siepi, 4 universitari (due sui 3 km ed uno sia sui 5000 m che sui 3000 m siepi) ed una medaglia d’oro nella Coppa Europa di maratona agli Europei di Zurigo 2014.

– Ciao Emma e grazie mille per la tua disponibilità. Domanda ovvia, quanto ti manca correre liberamente? 

Correre liberamente mi manca tantissimo. Fino a quando è stato possibile ho continuato a farlo restando nelle vicinanze di casa e uscendo ad orari improbabili per non incontrare nessuno; poi, ho sentito il clima di sfiducia e di paura nei confronti dei corridori e ho preferito lasciar perdere. La cosa che mi manca di più è il fatto di non poter andare nei boschi, sui monti. Era una cosa che facevo almeno tre/quattro volte la settimana soprattutto adesso che pratico corsa di montagna, ma in generale, correre nella natura ed in solitudine è una cosa che mi è sempre piaciuta.

Emma Linda Quaglia

 

– Come hai sostituito l’allenamento outdoor?

Mi è arrivato da pochi giorni il tapis roulant che avevo ordinato e adesso mi alleno con quello. Avevo già una spin bike che utilizzo come secondo allenamento. Correre su un tappeto non è come correre in strada, ma sono davvero felice che mi sia stato consegnato. Poi faccio stretching, core stability e potenziamento, esercizi che prima difficilmente facevo perché, ahimè!, sono indisciplinata da questo punto di vista. L’isolamento forzato mi ha regalato il tempo da dedicare a questo tipo di esercizi che normalmente mi annoiano.

Emma Linda Quaglia:”La prima cosa che farò? Correre ad oltranza e abbracciare i miei genitori”

– Quanto è importante, in questo periodo di isolamento forzato, allenare la mente, oltre che il corpo?

L’aspetto mentale è importantissimo. Quando viene a mancare l’obiettivo come può essere una gara, cala la motivazione e la tentazione è quella di lasciar perdere. Bisogna, invece, restare concentrati e per quanto possibile, mantenere la routine quotidiana. E’ un esercizio mentale importante. La mente è messa a dura prova. Correre con un muro di fronte o avanti e indietro in uno spazio di poche centinaia di metri è una grande frustrazione che però può tornare utile quando ritorneremo a gareggiare. Allenarsi al sacrificio per un maratoneta è sempre importante.

Emma Linda Quaglia

– La prima cosa che farai quando finalmente potremo mettere piede (e scarpette) fuori dalla porta.

Infilarmi le scarpe e andare ad oltranza, senza decidere il percorso, senza decidere il tempo fino a quando le gambe se la sentiranno di andare. Ho voglia di godermi “il viaggio” della corsa e ho voglia di abbracciare i miei genitori, i miei amici, i miei cari che non vedo oramai da troppo tempo.

“L’attività fisica: una passione per tanti, un lavoro per alcuni, una medicina per tutti”

– Un consiglio/messaggio/saluto ai lettori di Magazine Pragma. 

Un consiglio che mi sento di dare anche come medico sportivo è quello di continuare a fare attività fisica, perché l’attività fisica non è un capriccio, non è un divertimento, non è una cosa di cui si può fare a meno. La corsa, così come l’attività fisica in generale, oltre che una passione per tanti e un lavoro per alcuni, è una medicina per tutti. Aiuta a mantenere il corpo e la mente in condizioni migliori, ci aiuta a gestire lo stress, a dare struttura alla giornata ed allontana la noia. 

Leggi anche:

Qua Run Ten A

 

 

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

La sicurezza nel mondo del 5G

Nell'era digitale odierna, un'innovazione rivoluzionaria sta rimodellando il panorama della comunicazione globale, promettendo di accelerare la nostra transizione verso un futuro interconnesso: la tecnologia 5G.

Federazione Italiana Supercar a Marina di Stabia

  Federazione Italiana Supercar per un evento unico a Castellammare Di Stabia con tanti eventi con una Locations da sogno per gli amanti delle quattro...

Salernitana-Fiorentina, i provvedimenti delle forze dell’ordine dopo gli scontri tra tifosi

Prima della partita Salernitana-Fiorentina le due tifoserie sono venute a contatto: 4 persone sono state arrestate. Quattro tifosi della Salernitana sono stati arrestati in seguito...

Scafati Basket parla Boniciolli

  Scafati Basket il capo allenatore Matteo Boniciolli come riporta il comunicato ufficiale della società ha commentato la gara di Milano con diversi contenuti interessanti: Il...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA