LIBRI DEL 2022: “Formulario per la presenza” di Francesca Innocenzi

“Formulario per la presenza” (Edizioni Progetto Cultura) di Francesca Innocenzi – Una piccola raccolta, un formulario per la presenza, un esercizio per travalicare la narrazione di un io intrappolato nel dolore, attraversare la parola per approdare al luogo dove superarla: «qui/ non chiedere parola/ ma rimani/ in qualunque tempo e forma tu sia».

Punti Chiave Articolo

Note dell’autrice: Questa scelta di versi comprende poesie già incluse nelle mie sillogi scritte e pubblicate prima dei quarant’anni, fino al 2019: Giocosamente il nulla, Cerimonia del commiato, Non chiedere parola. Negli ultimi mesi ho fortemente avvertito l’esigenza di riunire quelle poche liriche che risuonassero tuttora in me, quelle che si potessero, a mio avviso, considerare portatrici di un senso oltre le contingenze che ne avevano determinato la genesi.

È nata così l’idea di questo volumetto, il cui titolo, Formulario per la presenza, potrà forse disorientare, data la mancanza di un nesso evidente con i testi, che recano anzi, a più riprese, tracce di assenze, lacune e sparizioni. Queste cadute nei baratri dell’assenza si sono rivelate tappe obbligate di un percorso, esistenziale e poetico, che mi ha a poco a poco avvicinato alla sostanza delle cose – anche attraverso l’essenzialità della forma – nell’esercizio al qui e ora, nel cogliere l’unicità di istanti in sé perfetti, nel perseguire un barlume di integrità nella frammentazione interna che sempre ci abita.

Questa piccola raccolta è per me un formulario per la presenza, perché ogni verso è una pietra miliare in più verso l’esserci, in me stessa e per me stessa, nel mondo e per il mondo. Vuole essere un esercizio per travalicare la narrazione di un io intrappolato nel dolore, attraversare la parola per approdare nel luogo dove superarla, annientarla: «qui/ non chiedere parola/ ma rimani/ in qualunque tempo e forma tu sia».

Trattandosi di una scelta antologica operata direttamente dall’autrice, qualcuno potrà considerarla un’iniziativa dai toni autocelebrativi. In realtà il mio intento è un altro. Frenata quella giovanile impazienza che mi spingeva a pubblicare, possibilmente, tutto e subito, ora è giunto il tempo della riflessione e della scrematura, di un punto nave da cui emergano scorie e persistenze di un modo di fare poesia che inevitabilmente si intreccia con le fluttuazioni esistenziali, da un lato, e con i nutrimenti che il mondo offre, dall’altro.

Alcuni testi sono stati sottoposti a lievi modifiche, quasi sempre nella costruzione del verso, che merita grande attenzione poiché, dal mio punto di vista, il rapporto tra la parola scritta e il bianco del foglio che la segue o la precede rinvia alla relazione tra il suono e il silenzio. «De la musique avant toute chose» ebbe a dire Verlaine, un’affermazione che mi sento di condividere pienamente.

In definitiva, mi piace leggere Formulario per la presenza come la mia vera opera prima in poesia. Ringrazio chi vorrà accoglierla in quanto tale.

L’autrice

Francesca Innocenzi è nata a Jesi (Ancona). È laureata in lettere classiche e dottore di ricerca in poesia e cultura greca e latina di età tardoantica. Ha pubblicato la raccolta di prose liriche Il viaggio dello scorpione (Il Filo 2005); la raccolta di racconti Un applauso per l’attore (Manni 2007); le sillogi poetiche Giocosamente il nulla (Edizioni Progetto Cultura 2007), Cerimonia del commiato (Edizioni Progetto Cultura 2012), Non chiedere parola (Edizioni Progetto Cultura 2019), Canto del vuoto cavo (Transeuropa 2021) – qui la nostra recensione; il saggio Il daimon in Giamblico e la demonologia greco-romana (Eum 2011); il romanzo Sole di stagione (Prospettiva 2018).

Per Edizioni Progetto Cultura ha diretto collane di poesia e curato alcune pubblicazioni antologiche, tra cui Versi dal silenzio. La poesia dei Rom (2007); L’identità sommersa. Antologia di poeti Rom (2010); Il rifugio dell’aria. Poeti delle Marche (2010). È redattrice del trimestrale di poesia «Il Mangiaparole» e collabora con vari siti letterari. Ha ideato e dirige il Premio letterario Paesaggio interiore.

 

PER LIBRI DEL 2022 ANCHE:

“I guardiani delle aquile” di Maria Elisabetta Giudici – LEGGI ANCHE LA NOSTRA INTERVISTA ALL’AUTRICE

“Ci siamo voluti tanto bene” di Marisa Laurito e Renzo Arbore

“Le mogli hanno sempre ragione” di Luca Bianchini

“L’equazione del cuore” di Maurizio de Giovanni – LEGGI ANCHE LA NOSTRA RECESIONE

“La ragazza che cancellava i ricordi” di Chiara Moscardelli

“Verso il Paradiso” di Hanya Yanagihara

“E poi tu all’improvviso” di Adessoscrivo – LEGGI ANCHE LA NOSTRA INTERVISTA ALL’AUTORE

“Se solo il mio cuore fosse di pietra” di Titti Marrone

“L’invenzione di noi due” di Matteo Bussola

“CONTRO” – Vita e destino di Novak Djokovic di Simone Eterno

“Il cuore è un organo” di Francesca Michielin

“Spizzichi e bocconi” di Erri De Luca

Il mondo nascosto di Pompei” di Massimo Osanna e Luana Taniolo 

“Io e la mia famiglia di barbari” di Pacifico

“Le madri non dormono mai” di Lorenzo Marone

“Tutte le volte che mi sono innamorato” di Marco Marsullo

“Le ultime” di Valeria La Rocca – LEGGI ANCHE LA NOSTRA RECENSIONE

“Un volo per Sara” di Maurizio de Giovanni

“Storia di un ospite” di Diego Galdino – LEGGI ANCHE LA NOSTRA INTERVISTA ALL’AUTORE

“I viaggi di Giuditta” di Roberta Scotto Galletta

“Come il lago” di Maria Elisa Gualandris – LEGGI ANCHE LA NOSTRA INTERVISTA ALL’AUTRICE

“Il rosmarino non capisce l’inverno” di Matteo Bussola – LEGGI ANCHE LA NOSTRA RECENSIONE

“Se i pesci guardassero le stelle” di Luca Ammirati

“Omicidio a Carloforte” di Antonio Boggio

“Cambiare le ossa” di Barbara Baraldi

“Una giornata cominciata male” di Michele Navarra

“Eden” di Sara Bilotti

“Tieniti forte” di Felice Di Lernia – LEGGI ANCHE LA NOSTRA INTERVISTA ALL’AUTORE

“Un’estate a Borgomarina” di Enrico Franceschini

“Il cane di Falcone” di Dario Levantino

“Sarò breve” di Francesco Muzzopappa

“Ash: L’incubo” di Victoria M. Shyller

“Senza tema – Poesie coraggiosamente atematiche

“Napoli 1943 – Sotto chi tene core” di Roberto Colella

“Di rosso e di luce” di Valeria Corciolani

“Il bambino d’oro” di Rita Pacilio – LEGGI ANCHE LA NOSTRA INTERVISTA ALL’AUTRICE

“Cronache dal Paradiso” di Serena Dandini

“Finchè non aprirai quel libro” di Michiko Aoyama

“La gloria e la prova, il mio nuovo cinema paradiso 2.0” di Toto’ Cascio

“Io uccido” di Giorgio Faletti versione graphic novel

“Paola, una storia vera” di Nino Frassica

 

 

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Pepe coniglio coraggioso, la nuova favola di Giovanni Taranto per la Fondazione Giancarlo Siani

"Pepe coniglio coraggioso" di Giovanni Taranto è l'ultima aggiunta al “Progetto Favolette” della Fondazione Giancarlo Siani, un'iniziativa per promuovere la lettura tra i più piccoli.

Juve Stabia si chiude il ritiro di Capracotta

Juve Stabia annuncia che si è chiuso in anticipo il ritiro di Capracotta S.S. Juve Stabia, si chiude la seconda parte di ritiro a Capracotta La...

Juve Stabia il diario della domenica di Capracotta

Juve Stabia è stata una domenica insolita o se preferite particolare quella che abbiamo vissuto a Capracotta. Doveva essere una giornata di ritiro ma...

Angri novità campagna abbonamenti

  Angri la campagna abbonamenti che si prepara a vivere la sua seconda fase. Il dettaglio nella nota ufficiale: “𝗜𝗡𝗦𝗜𝗘𝗠𝗘” - 𝗖𝗔𝗠𝗣𝗔𝗚𝗡𝗔 𝗔𝗕𝗕𝗢𝗡𝗔𝗠𝗘𝗡𝗧𝗜 𝟮𝟬𝟮𝟰-𝟮𝟬𝟮𝟱 Una campagna abbonamenti...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA