“Tène folla Pintauro!” – Cosa significa?

PUBBLICITA

“Tène folla Pintauro!” – “Se fruscia Pintauro, d’e sfugliatelle jute ‘acìto”, ma chi è Pintauro? A Napoli e in tutta la Campania, inutile chiederlo? La sua bottega in Via Toledo a Napoli è stata per decenni il regno indiscusso delle sfogliatelle. Con ESPRESSO NAPOLETANO, la rubrica domenicale di MAGAZINE PRAGMA, questa settimana cammineremo per le vie di Napoli seguendo l’irresistibile profumo delle sfogliatelle appena sfornate.

“Tène folla Pintauro!” 

Pasquale Pintauro è stato un pasticciere, anzi IL PASTICCIERE. Se cercate sul web la parola “sfogliatella”, Wikipedia vi dirà: “Nel 1818, il pasticcere napoletano Pasquale Pintauro entrò in possesso della ricetta segreta della Santarosa, portando il dolce a Napoli, modificando (leggermente) la ricetta e introducendo la variante riccia-sfoglia.”

La pasticceria di Pasquale Pintauro fu la prima ad avviare la produzione e la vendita delle sfogliatelle. La bontà delle sue sfogliatelle fece accorrere gente da ogni dove. La piccola pasticceria divenne talmente affollata che la coda dei clienti iniziava dal marciapiede esterno al negozio. La celebrità di Pintaurò attirò non solo clienti, ma anche invidie e gelosie dalle quali nacquero due celebri motti popolari:

Tène folla Pintauro! (C’è folla da Pintauro!) che si usa con tono dispregiativo per indicare qualcuno che si rende prezioso fingendo di avere impegni importanti, nonostante sia poco credibile.

Se fruscia Pintauro, d’e sfugliatelle jute ‘acìto”(Si vanta Pintauro delle sfogliatelle inacidite) che si usa per indicare una persona che si vanta a sproposito.

pintauro

ATTENZIONE PERO’ ! A Pasquale Pintauro non si attribuisce la creazione della sfogliatella (la cui origine pare venga attribuita alle suore di un convento di Conca dei Marini. Il dolce però prese il nome di Santarosa, in onore della santa a cui era dedicato il convento.), ma la sua rielaborazione e la sua commercializzazione per il grande pubblico.

E ora gustatevi pure una bella sfogliatella. A proposito, cosa farete mettere questa domenica nella vostra “guantiera”? Ricce o frolle? Che domanda! Tutte e due.

riccia e frolla

So’ doje sore: ‘a riccia e a frolla.
Miez’a strada, fann’a folla.
Chella riccia è chiù sciarmante:
veste d’oro, ed è croccante,
caura, doce e profumata.
L’ata, ‘a frolla, è na pupata.
E’ chiù tonna, e chiù modesta,
ma si’ a guarde, è già na festa!
Quann’e ncontre ncopp’o corso
t’e vulesse magnà a muorze.
E sti ssore accussì belle
sai chi so’? So’ ‘e sfugliatelle!

 

(foto pubbliche su Facebook)

__________________________________________________

Per ESPRESSO NAPOLETANO anche:

 

 

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Siracusa Calcio, il presidente fa un comunicato sul nuovo stadio

Siracusa Calcio, il presidente Ricci, torna a parlare del nuovo stadio e del lavoro che c'è dietro per realizzarlo

La Protezione Civile Campania testa la reazione al sisma con una simulazione

La Protezione Civile Campania in collaborazione con l'osservatorio vesuviano con una simulazione di un sisma ha testato la reazione dei cittadini. La zona interessata dalla simulazione è i Campi Flegrei.

Inter Campione D’Italia i Figli delle stelle

Inter è campione d'Italia, un campionato vinto attore protagonista. Primo scudetto per Simone Inzaghi e per i nerazzurri parlano i numeri. Forbice ampia su Milan...

Moreno Pesce riparte dall’Islanda Experience

L'atleta paralimpico Moreno Pesce insieme al suo team, composto dalla guida alpina Lio De Nes e dal videomaker Jacopo Bernard, si prepara ad affrontare una nuova suggestiva sfida

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA