“Adda passà ‘a nuttata”, da Eduardo ai giorni nostri

PUBBLICITA

“Adda passà ‘a nuttata” – Era il 1945 quando Eduardo De Filippo coniò questa frase ancora oggi utilizzata quando ci si ritrova ad affrontare momenti particolarmente bui della propria vita. Letteralmente “Deve trascorrere la notte”, significa “In attesa di tempi migliori”

“Adda passà ‘a nuttata”, quando non tutto è perduto

“Poche settimane dopo la liberazione, mi affacciai al balcone della mia casa di Parco Grifeo a Napoli e detti uno sguardo al panorama di questa città martoriata; allora mi venne in mente in embrione la commedia “Napoli Milionaria” e la scrissi tutta d’un fiato, come un lungo articolo sulla guerra e le sue deleterie conseguenze” (Eduardo De Filippo).

La celeberrima frase “Adda passà ‘a nuttata viene pronunciata nelle ultime battute di “Napoli Milionaria”, commedia in cui Eduardo De Filippo racconta una Napoli parzialmente rassegnata. Nei cuori della gente sembra essersi spento ogni entusiasmo, ma quando tutto sembra essere finito, ecco aprirsi uno spiraglio di luce.

Il popolo napoletano, nonostante le brutture della guerra, riesce infatti, a conservare uno spirito di generosità, che nella commedia viene rappresentato dal personaggio del ragioniere Spasiano, che nonostante forti dissapori, dona a Gennaro ed Amalia il farmaco che potrebbe salvare la piccola Rituccia.

Rituccia, la figlia di Gennaro ed Amalia, è infatti gravemente ammalata. Solo un farmaco potrebbe salvarla ed è il ragioniere Spasiano a procurarlo alla famiglia nonostante tra lui e la mamma di Rituccia non corra buon sangue. E’ il medico che, dopo aver somministrato il farmaco alla piccola Rituccia, rivolgendosi ai genitori pronuncia la celeberrima frase: Mò adda passà ‘a nuttata. Deve superare la crisi“.

Ma a dare ancor più valore alla frase, arricchendola di un significato catartico, è il finale della commedia in cui Gennaro (Eduardo De Filippo), rivolgendosi alla moglie, ripete per ben tre volte la frase: “S’addà aspettà, Ama’. Addà passà ‘a nuttata”. Ed è così che la frase è diventata la filosofia di un popolo.

 

Per ESPRESSO NAPOLETANO anche:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Juve Stabia Antonio Esposito : ” La piazza merita questa gioia ed anche qualcosa in più “

Juve Stabia parlano gli ex calciatori che hanno lasciato il segno con la maglia delle vespe. Abbiamo raggiunto telefonicamente un personaggio che ha fatto...

Costruisce edificio abusivo per materiale automobilistico vicino al fiume Sarno

Le forze dell'ordine hanno denunciato un uomo che aveva creato un deposito abusivo vicino al fiume Sarno. Un uomo di 56 anni è stato denunciato...

Casalnuovo, vasto incendio in un palazzo, l’intervento dei pompieri evita il peggio

A Casalnuovo ha preso fuoco un appartamento al secondo piano di un palazzo. Un incendio è scoppiato in una palazzina a via Vernicchi, Casalnuovo, provocando...

L’ultimo Ronin – L’angolo del Nerd e dell’Otaku

New York, in un prossimo futuro. Le quattro Tartarughe Ninja, il maestro Spinter e buona parte dei loro alleati del clan Hamato, sono stati sterminati dal Clan del Piede, guidato dal nipote di Shredder, Oroku Hiroto. Quest'ultimo ha trasformato New York in un incubo tecnologico e le zone limitrofe in una palude tossica.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA